giovedì 22 marzo 2018

Orto sinergico: cos'è e come si allestisce #1

Chi mi segue su Instagram avrà visto che sono in piena attività di preparazione dell'orto, ma come ho spiegato rapidamente sui social non si tratta di un orto normale, bensì di un orto sinergico
Visto che alla mia domanda "Potrebbe interessarvi se ne raccontassi di più?" ho avuto tantissimi riscontri positivi, oggi eccomi qui a raccontarvi della mia esperienza di agricoltura domestica che ormai va avanti da diversi anni.

Orto sinergico

Abbiamo iniziato una decina di anni fa e, quello che nella casa di campagna è sempre stato l'"ortino" della bisnonna, è tornato a essere il nostro orticello, tre generazioni dopo. 
Avevamo paura che dopo il primo anno potesse passare l'entusiasmo e invece, anno dopo anno, la passione è diventata più forte e quell'orto si è evoluto fino a diventare, lo scorso anno, un vero orto sinergico. 
Abbiamo spalato tantissimo, ho fatto i muscoli alle braccia per la prima volta nella mia vita, abbiamo sudato e faticato per settimane, ma la soddisfazione è stata immensa, ancora di più quando ci siamo ritrovati a raccogliere frutti che nell'Oltrepo nessuno era riuscito ad avere a causa del clima. 
Abbiamo raccolto pomodori e zucchine fino a ottobre inoltrato, un record per la zona e la produttività è stata enorme, mai come lo scorso anno. 

Con questo quello che voglio dirvi è: 
- La terra è bassa, fare l'orto è faticoso, non solo un passatempo rilassante per la domenica pomeriggio. 
- Se gli dedicherete del tempo e delle cure, sarete ripagati ampiamente. Basta avere pazienza

La bella notizia è che una volta allestito l'orto sinergico, vi dimenticherete il lavoro pesante e avrete da seguire solo la parte più divertente!

Ma passiamo alla pratica. 

Cos'è un orto sinergico? 

Si tratta di un orto che sfrutta i naturali meccanismi della natura che, senza il supporto dell'uomo, fertilizzanti o medicinali, riesce a dare frutti comunque. 
Se ci pensate in natura è sempre stato così: senza la mano dell'uomo rimane in equilibro perfetto e funziona in modo impeccabile. 
In pratica è IL SISTEMA DI ORTO PIU' NATURALE CHE CI SIA che nasce dall'idea di fondo di vivere senza distruggere. Questa tipologia di coltivazione nasce dagli studi dell'agronomo giapponese Fukuoka che si è reso conto dei danni che l'agricoltura tradizionale stava portando al terreno e, grazie a questa tecnica, è riuscito a rispondere ai bisogni dell'uomo e quelli della natura contemporaneamente, senza arrecare danno a nessuno.

Questo orto, tra l'altro, ha alcuni vantaggi pratici non di poco conto:
  1. Una volta allestito, il vostro lavoro si ridurrà al minimo. 
  2. Non servono concimi, fertilizzanti o antiparassitari
  3. Si risparmia una buona quantità di acqua facendo del bene anche all'ambiente.  
Fukuoka ha così definito 4 principi da applicare per fare agricoltura rispettando la natura:

  1. Nessuna lavorazione del terreno perché questo si lavora da solo con le radici delle piante e l'azione di piccoli animali che vivono nel suolo. 
  2. Nessun concime perché il suolo lasciato lavorare autonomamente diventa più fertile;
  3. Nessun diserbante perché le erbe non vanno eliminate, ma controllate;
  4. Nessun utilizzo di prodotti chimici perché da sola la natura riesce a essere in equilibrio perfetto. 


Perché l'orto sinergico offre questi benefici?

Semplicemente rispettando gli equilibri della natura facendo in modo che piante e animaletti  che vivono nel terreno e intorno all'orto collaborino per favorire una produzione ricca e rigogliosa.  Ma vediamo alcune regole fondamentali dell'orto sinergico perché tutto questo possa accadere:

  1. Consociare piante e fiori: ovvero unire specie differenti nell'orto in modo che possano aiutarsi reciprocamente. Per esempio i legumi sono capaci di arricchire la terra di azoto, l'aglio, la cipolla e alcune piante fiorite tengono a distanza i parassiti, alcune piante sono utili per tenere il terreno e, in generale, alcune varietà messe una accanto all'altra si scambiano benefici. Il pomodoro per esempio sta bene con l'aglio, la lattuga e i ravanelli, ma non è proprio amico di cetrioli e finocchi. Vi lascio qui il link a uno schema con tutti i consigli per consociare le piante in modo corretto. Nell'orto sinergico sono utilissimi anche i fiori ed è per questo che oltre a essere utili, ci ritroveremo di fronte a un orto-giardino. Si tratta sempre di fiori funzionali che allontanano insetti e parassiti. Tra le varietà più diffuse ci sono la Calendula, il Nasturzio e il Tagete. 
  2. Il terreno non va lavorato: una volta allestito l'orto potete dire addio all'odioso compito di girare il terreno dopo l'inverno per prepararlo nuovamente ad accogliere le piante. Con l'orto sinergico il terreno non si tocca per non andare a rovinare le normali attività della natura che portano ad arricchire il suolo. Per lo stesso motivo il terreno non si calpesta e l'orto si costruisce su aiuole rialzate, chiamate bancali
  3. Non servono concimi: proprio grazie alla naturale interazione delle piante, al terreno che rimane indisturbato e alla pacciamatura che vedremo tra poco, l'orto sinergico non ha bisogno di essere nutrito con concimi o altro. Inoltre, alla fine di ogni stagione bisognerà estirpare  le vecchie piante coltivate e lasciarle sul terreno in modo che decomponendosi vadano ad arricchire il suolo.
  4. Il potere della pacciamatura: Tutta la superficie dell'orto sinergico deve essere coperta da uno strato di pacciamatura, ovvero uno strato di sostanze naturali che proteggono il terreno. In natura la pacciamatura si crea normalmente, ad esempio con le foglie che cadono in autunno, ma noi che facciamo giardinaggio difficilmente riflettiamo che il terreno in natura rimane praticamente sempre coperto. Dobbiamo quindi entrare nell'idea che pacciamare il terreno è un bene, anche per le nostre piante estetiche. In commercio si trova della corteccia sbriciolata oppure potete utilizzare il fieno che è la pacciamatura più diffusa. La pacciamatura consente di:
    1. evitare che i bancali di terreno si disfino con la pioggia;
    2. mantenere il terreno umido più a lungo riducendo così la quantità di acqua necessaria per irrigare;
    3. favorire la microfauna che rende il terreno più ricco;
    4. proteggere le piantine dal gelo;
    5. ridurre la crescita di erbacce. 
Niente male, vero? L'ambiente ringrazierà e anche voi in particolari periodi di siccità! La pacciamatura, inoltre, dissolvendosi man mano nel tempo, aiuta a rendere il terreno più ricco. Vi assicuro, dopo pochi giorni dall'allestimento dell'orto, il terreno diventerà morbido e friabile, rimarrà ben umido e sarà ricco di lombrichi che fanno tanto bene al terreno.
Ora che vi ho spiegato come funziona non resta che passare alla pratica e spiegarvi come allestire un vero orto sinergico! 

Come allestire l'orto sinergico? 

Innanzitutto dovrete realizzare i bancali, ma prima di farlo vi sarà utile fare un piccolo progetto del vostro orto in modo da calcolare bene la forma, le dimensioni e gli spazi per i camminamenti. 
Il mio orto sinergico è una grande L più un piccolo rettangolo di fronte, una sorta di orto tetris! :-)
Se fate una ricerca online potete trovare degli orti sinergici che sono delle vere e proprie opere d'arte! 

Orto sinergico - spirale
Foto presa dal web: http://www.manifestosardo.org/agroindustria-no-grazie-orto-sinergico/
Ma andiamo per gradi. Come fare per costruire l'orto sinergico?
  1. Definite la forma che volete dare al vostro orto sinergico in funzione dello spazio a vostra disposizione. Considerate inoltre lo spazio necessario per i camminamenti tra i bancali (almeno 60 cm per favorire il passaggio di una carriola). 
  2. Pulite il suolo dalle erbacce per evitare che queste rilascino semi e ricrescano rigogliose nel vostro orto.
  3. Disponete dei paletti e aiutatevi con una corda che possa farvi da dima per riportare per terra il vostro disegno e procedete quindi alla formatura dell'orto. Ogni bancale deve avere una base di 120 cm, la lunghezza invece non è rilevante e dipende dal vostro spazio.
  4. Costruite i bancali riempiendo con la terra. La regola fondamentale è che ogni bancale, ovvero aiuola rialzata, sia alta 30-40 cm, larga 120 cm alla base e 60 cm sul piano alto. Una volta messo sufficiente terreno modellate il bancale in modo che la superficie in alto sia piana e i laterali obliqui. 
  5. Disponete l'impianto di irrigazione a goccia: munitevi di tubi di polietilene di 12-16 mm per l'irrigazione, praticate i fori di 1,5-2 mm ogni 20-30 cm e disponete il tubo sull'orto in modo da fare una U sulla sommità del bancale. L'acqua dall'alto infatti andrà a fondo del terreno e bagnerà anche le piante presenti sui laterali. Bloccate il tubo in più punti con un fil di ferro spesso piegato a U. (Vedi figura sotto).
  6. Coprite i bancali con la pacciamatura naturale. Potete acquistare la pacciamatura pronta, ma vi consiglio di utilizzare la paglia più facile da reperire e a un costo nettamente minore. 
Orto sinergico - impianto irrigazione

A questo punto l'orto è pronto e non vi rimane che dedicarvi alle piante, la parte più divertente del vostro orto sinergico!

Ma per questo ci vediamo alla prossima puntata per dedicarci alla preparazione del semenzaio e delle piantine

2 commenti:

  1. Complimenti Teresa per questo articolo, così tecnico e pieno di passione. Mi hai spalancato un mondo... E già avevo il mio orto! Adesso vedo di spargere la voce sui social ;) Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, scusa il ritardo di risposta! Mi fa piacerissimo leggere il tuo commento! Sono felice che il tema ti interessi e che dal mio post passi la mia passione per la coltivazione! E' bello poter entrare in sintonia con la natura e nel nostro piccolo potersi prendere cura di lei!
      Grazie ancora tantissimo per esserti fermata a commentare, mi dai un enorme stimolo ad approfondire questo tema e parlarne sul blog :-) Buona giornata, Teresa

      Elimina

Related Posts with Thumbnails