lunedì 9 ottobre 2017

Baccalà alla milanese con polentina di ceci

Avete presente l’ossobuco alla milanese? 
Ecco, questa ricetta prende spunto proprio da lì per poi viaggiare attraverso il palato in un’altra regione d’Italia, la Liguria: è così che nasce il mio baccalà alla milanese con polentina di ceci. 

Baccalà alla milanese

L’ispirazione arriva da un progetto che guarda in modo innovativo al turismo, la Milano-Sanremo del gusto, e che coinvolge Lombardia, Piemonte e Liguria in un percorso che normalmente è conosciuto per la famosa gara ciclistica, la Milano-Sanremo appunto. 

Ma ditemi, voi riuscite a immaginare un viaggio che non coinvolga anche i vostri sensi attraverso i piatti e gli ingredienti tipici del territorio? 
#MSRgusto vi aiuta nel definire il vostro viaggio offrendovi consigli su ristoranti, frantoi, cantine, ecc. ecc. da visitare. 
Sul sito potete trovare tantissime tappe che possono essere utili per organizzare al meglio i vostri percorsi tra gusto e territorio. 

Oggi io invece ho viaggiato con la mente e il palato attraverso questo piatto di baccalà che mi ha portato dalla Lombardia verso la Liguria attraversando la Via del sale. 

La ricetta è esattamente quella della tradizione lombarda, ma l’ossobuco è stato sostituito dal baccalà molto presente nella cucina ligure e che potete gustare in ricette tradizionali come il brandacujun. 
Non solo, il risotto si è trasformato in una polentina atipica in cui il mais caratteristico della polenta lombarda e la farina di ceci, usata per farinata, cuculli o panissa in Liguria, si sono unite per un risultato unico e cremoso. Una polentina gialla come il risotto, ma completamente diversa nel concetto. 

Infine rimane la gremolada, ovvero il tradizionale completamento dell’ossobuco alla milanese. 
La gremolada è composta da un trito di prezzemolo, scorza di limone, aglio e filetti di acciuga.

Questo condimento unisce di per sé tutti ingredienti interregionali: gli agrumi che inevitabilmente fanno pensare alla riviera ligure e al microclima dei laghi lombardi, l’aglio che porta a Vessalico e i filetti di acciuga che percorrono tutta la via del sale. 

Le acciughe sotto sale partono dalla Liguria per essere portare nell’entroterra: arrivano in Piemonte dove entrano fortemente nella tradizione (bagna cauda, bagnetto verde, vitello tonnato vi dicono niente?) e concludono il viaggio in Lombardia dove si conclude il tragitto. 

Baccalà alla milanese con polentina di ceci 


Ingredienti per 4 persone:
800/1000 g di baccalà 
un mestolino di brodo vegetale
un cucchiaio di concentrato di pomodoro (oppure 3-4 cucchiai di passata di pomodoro)
mezzo bicchiere di vino bianco
una cipolla
farina
olio extravergine di oliva

Per la polentina: 
1 l d’acqua
130 g di farina di mais
130 di farina di ceci
un cucchiaio d’olio
sale 

Per la gremolada:
scorza grattugiata di un limone
un cucchiaio di prezzemolo tritato 
un piccolo spicchio d’aglio
1-2 filetti di acciuga

Procedimento: 


Tritate la cipolla e fatela soffriggere con un giro d’olio a fuoco lentissimo. La cipolla dovrà quasi sciogliersi.
Nel frattempo tagliate i filetti di baccalà in tranci dopo averli lasciati in ammollo per almeno 36 ore cambiandogli spesso l’acqua. Passateli poi nella farina. 
Quando la cipolla sarà pronta, mettetela da parte e nella padella fate rosolare il baccalà da entrambi i lati.
 Riunite la cipolla e sfumate con il vino bianco.
Aggiungete la passata o il concentrato di pomodoro e un mestolino di brodo, giusto il necessario per far sì che non attacchi. 
Lasciate la fiamma bassissima e fate cuocere per circa un'ora finché il baccalà sarà cotto e il condimento si sarà ristretto e ben amalgamato. Se durante la cottura il sugo dovesse asciugarsi troppo unite pochissimo brodo per volta. 
Regolate di sale se necessario.  A parte preparate la gremolada: tritate il prezzemolo e grattugiate il limone, mescolate insieme e tenete da parte fino al momento di servire. 
Se gradite completate la gremolada anche con aglio e acciuga tritati.

Preparate la polenta: versate l’acqua in una pentola e versatevi a pioggia la farina di mais e la farina di ceci setacciata. Condite con il sale, il cucchiaio d’olio e fate cuocere a fuoco lento e mescolando molto spesso per circa 40 minuti. 

Quando tutte le preparazioni saranno pronte servite il baccalà alla milanese cosparso con la gremolada e accompagnato dalla polentina di ceci. 

English Version -  Milanese Baccalà with chickpea polenta
Ingredients x 4:
800/1000 g of cod
a vegetable broth
a spoonful of tomato concentrate (or 3-4 tablespoons tomato sauce)
half a glass of white wine
an onion
flour
extra virgin olive oil

For polentine:
1 l of water
130 g of corn flour
130 of chickpea flour
a spoonful of oil
salt

For the "gremolada":
grated peel of lemon
a tablespoon of chopped parsley
a little clove of garlic
1-2 fillets of anchovy 

Direction: 
Chop the onion and sprinkle it with a spin of oil on a low heat. The onion will almost melt.
Meanwhile, cut the baulk fillets into slices after leaving them soak for at least 36 hours by changing the water often. Then pass them into the flour.
When the onion is ready, put it on the side and in the pan fry the cod on both sides. 
Add the onion and deglaze with white wine.
Add the tomato sauce or tomato concentrate and a brothstick, just enough to make sure you do not attack.
Leave the flame very low and cook for about an hour until the baccalà is cooked and the seasoning is tight and well blended. If during cooking the sauce should dry too much too little broth at a time.
Adjust salt if necessary. Aside prepare the gremolada: chop the parsley and grate the lemon, mix together and keep aside until serving.
If you like, complete the gremolada with garlic and minced anchovies.

Prepare the polenta: pour the water into a pot and sprinkle the corn flour and the chickpea powder. Season with salt, a spoon of oil and bake slowly mixing very often for about 40 minutes.


When all the preparations are ready, serve the cod sprinkled with the gremolada and accompanied with polenta.

7 commenti:

  1. Che meraviglia... e per dirlo io che non amo il baccalà... Bellissima ricetta! A Presto LA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Laura, visto che non ami il baccalà mi fa ancora più piacere che la ricetta ti ispiri!! :)

      Elimina
  2. Bellissima ricetta...l'abbinamento mmi ispira un sacco!!!

    RispondiElimina
  3. Geniale, davvero.
    Un trompe-l'oeil di colori e sapori..
    Immagino che sia anche molto buono, forse dal gusto particolarmente spiccato?
    Grazie della ricetta!
    Evita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Evita, sono contenta che questa ricetta ti piaccia!
      In realtà il suo sapore risulta anche molto delicato, l'unico ingrediente che può dare maggiore intensità è l'acciuga della gremolada che si può scegliere se aggiungere o meno.
      Grazie mille per essere passata!
      Teresa

      Elimina
  4. Gnaaam!! Ho appena finito cena ma quasi quasi…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che la ricetta ti ispira! :D

      Elimina

Related Posts with Thumbnails