mercoledì 5 giugno 2013

Il sidro di mele, questo sconosciuto

Il thé caldo con i biscotti all'arrivo hanno subito scaldato l'atmosfera. 13 sconosciuti, tra giornalisti e qualche blogger, accompagnati dallo splendido staff dello Strongbow Gold, ci siamo ritrovati con gli occhi illuminati e una tazza in mano, davanti al camino del Boukai Moulin come se fossimo amici già da tempo.
Difficile spiegare la magia di questa dimora: calore e cura sono le uniche parole che mi vengono in mente, mentre ripercorro le poche stanze di cui è composta la villa.

Aubel - Strongbowgold


Aubel - Strongbowgold

Così è iniziato il nostro viaggio e, dopo aver scelto uno ad uno le nostre stanze, mostrate da Ruth Stassen, moglie di Jean-Pierre, proprio come fossero le stanze di casa propria, finalmente entriamo nel vivo: si parte alla scoperta del sidro. 
Una storia lunghissima, questo è quello che colpisce subito la mia attenzione. Come per la birra, infatti, il sidro ha origine negli anni che suonano in modo austero, "a.c.".  Di quanti millenni stiamo parlando?
Millenni di storia e di produzione che non ha mai avuto fine, arrivando ai giorni nostri, per diventare finanche un prodotto industriale.

Aubel - Strongbowgold

Ma partiamo dall'inizio. Cos'è il sidro? 
Il sidro è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione delle mele. Il vino parte dall'uva, la birra dai cereali e il sidro si serve dei processi di fermentazione di un frutto molto diffuso in Europa, le mele appunto. 
Prima di questo viaggio, una sola esperienza mi legava al sidro: l'aver assaggiato lo Strongbow Gold "per curiosità", visto che era la novità sugli scaffali del supermercato. 
Non avevo idea di come il sidro fosse prodotto, delle sue origini esatte, della varietà che si nasconde dietro questo prodotto. 
Proprio come il vino e la birra, infatti, esistono infinite possibilità di sidro. La zona di produzione , il tipo di mele utilizzato e soprattutto la sapiente unione dei succhi di diverse qualità di mele - scelte in funzione della dolcezza o dell'acidità - porta a ottenere risultati molto diversi.

Aubel - Strongbowgold

Al Boukai Moulin ho avuto modo di assaggiare ben 7 tipi diversi di sidro prodotti dalla sola Stassen (produttore anche dello Strongbow Gold - Heineken). Uno diverso dall'altro, per profumo, colore, aroma. Qualcuno, lo ammetto, ho pensato fosse vino.
Il mattino seguente, perfettamente in forma e senza un briciolo di mal di testa, nonostante la sera prima non ci siamo fatti problemi ad alzare il gomito con il sidro (gradazione alcolica 4-8% circa, ma ne esistono anche versioni completamente senza alcool), dopo una lauta colazione, la Stassen è diventata terreno per la nostra gita alla scoperta del sidro.
Di sala in sala, abbiamo seguito ogni fase della produzione, conoscendo i dettagli e vedendo quanta cura è necessaria per arrivare al prodotto finale.

Aubel - Strongbowgold

Non sto qui a dirvi qual'è la procedura esatta per produrre il sidro, per quello c'è Gusto Sidro, ma quello che vi racconto è solo la precisione e la dedizione con cui Jean-Pierre Stassen e suo fratello, ormai arrivati alla 4° generazione nella produzione di sidro, impiegano nel loro mestiere.
E sapete dove si può percepire ancora meglio tutto ciò? Nei meleti di Aubel.
In piena fioritura, ci hanno accolto con valanghe di fiori bianchi con svariate sfumature di rosa.  Jean-Pierre conosce tutte le varietà di mele e ogni trucco affinché gli alberi e i frutti crescano al meglio.

Per noi è impossibile non spalancare gli occhi e riempirci i polmoni di quell'aria inebriata di profumi.

Aubel - Strongbowgold

Tutte le altre foto le trovate qui

1 commento:

  1. Che posto magnifico! I meli in fiore non li ho mai visti. Sono molto simili ai fiori di pesco.
    Mi sarebbe piaciuto un sacco partecipare alla scoperta del sidro.
    Che meraviglia, chissà che bevute! :-D

    Fabio

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails