mercoledì 6 marzo 2013

Casa Alto Adige: un pomeriggio tra pane e farine

A tutto posso resistere, tranne che al richiamo delle farine e all'idea di mettere le mani in pasta. 
Questa è stata proprio l'anticipazione che ha richiamato la mia attenzione, peggio che un orso con il miele! 
L'ultima serata trascorsa a Casa Alto Adige, in una splendida location milanese, è stata dedicata proprio alle farine altoatesine, un mondo di cui non possedevo alcuna conoscenza. 
A portarci per mano in questo viaggio ci sono stati lo chef Herbert Hintner del Ristorante Zur Rose di Appiano e Christoph Engl, Direttore di Alto Adige marketing 
Herbert Hintner che ci ha guidato nella creazione di 5 deliziosi pani e Christoph Engl che invece ci ha fatto sorridere e ci ha portato nella sua regione tramite racconti e ricordi. 


In poche ore abbiamo scoperto in cui tradizione e innovazione si sono mescolati in nome della qualità, del rispetto della natura e soprattutto per trovare il modo migliore - più intelligente oserei dire - per vivere la montagna. 
Da persona di mare quale sono, la montagna per me è qualcosa di misterioso. Da guardare, ma da toccare con cura, per questo sentire parlare di "Competenza alpina", manifesto con cui l'Alto Adige si presenta al resto del mondo, è stato rassicurante.
Nella competenza alpina rientra anche la cura e il rispetto per le materie prime, ad esempio, le farine. 
Grano, farro, segale, grano saraceno e mais: questi i cereali che vengono coltivati dagli agricoltori altoatesini, macinati poi nei mulini a pietra, per poi essere messi nelle mani di 40 panettieri locali selezionati per poter creare un pane di qualità e ottimizzare tutto il circuito produttivo tramite una rete di collaborazione che possa dare nuovi impulsi alla coltivazione locale. 



E noi, con questi cereali, abbiamo preparato 5 tipi diversi di pane seguendo le indicazioni di Herbert Hintner: pane alla patate, grissini al carbone vegetale (geniale no?!), pane alla frutta secca, sfoglie di segale e pane bianco. 
Poi, visto che di panificare non ne ho mai abbastanza, con il preparato della Rieper per Breatl a casa ho fatto questi: 


Devo dire che all'inizio ero piuttosto scettica su questa farina e invece, con la semplice aggiunta di acqua, è venuto fuori un pane sofficissimo, fragrante e profumatissimo! 
Purtroppo non so dirvi dove trovare questa farina, ma se qualcuno che passa di qua, per caso sa dare indicazioni, io le sarei infinitamente grata! :D 


12 commenti:

  1. Che spettacolo questo pane. Peccato che non si sa dove reperire la farina...

    RispondiElimina
  2. Anche io sarei sempre con le "mani in pasta" però queste farine non le ho mai viste.

    RispondiElimina
  3. Adoro fare il pane in casa e con quelle farine sono sicura che il pane sia davvero delizioso. Peccato che qua credo siano introvabili. Chissà che in qualche sagra non becchi un stand di prodotti altoatesini.

    RispondiElimina
  4. Ciao a tutte!!! Il pane di casa mia!!! Se volete vi faccio una spedizione di farine..:-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Barbara!!! Troppo carina!! :-)))

      Elimina
  5. fantastica esperienza e fantastico pane!

    RispondiElimina
  6. Per la reperibilità della farina...ci sto lavorando, appena ho notizie, vi farò sapere! :-)

    RispondiElimina
  7. Bravissima Tery, questa è un'ottima farina, tra le migliori in circolazione. Peccato non sia facilmente reperibile (per fortuna da me, in Friuli, qualche negozio che la vende c'è), ma quelli della Rieper sono molto gentili e volendo la spediscono a casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille del suggerimento! Aggiungerò il tuo consiglio anche al post su facebook! :-)

      Elimina
  8. strano che i sudtirolesi siano gentili... :-( cmq Tery davvero se ti serve dimmelo te la posso procurare anch'io e fartela avere tramite delle amiche di Milano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara io ho conosciuto tante persone gentili del Sudtirol! :-)))) per esempio... tu di dove hai detto che sei??
      Grazie tantissimo per la tua disponibilità Barbara, sei veramente gentilissima!!!
      Nel caso ti contatterò sicuramente!! Grazie, grazie, grazie! :*

      Elimina
    2. Io sono di Merano..
      Sai dico così perchè tutti parlano degli Altoatesini come di persone molto chiuse, poi chiaro come dici tu ci sono le eccezioni..:-)
      E cmq con i turisti devono stare molto attenti se vogliono che tornino... ;-)

      Elimina

Related Posts with Thumbnails