mercoledì 30 gennaio 2013

Un cucciolo ti cambia la vita

Sono passati solo 3 mesi e mezzo da quando è con noi, ma mi sembra che sia già una vita insieme. 
Quando lo guardo, mi chiedo come facevo prima, senza di lui. 

Sono cresciuta vivendo con l'amore degli animali. Cani, gatti, conigli, tartarughe, passando anche per qualche paperella. Nella mia infanzia è sempre stato normale avere un cane che mi guardava con gli occhi languidi e innamorati dietro la finestra.

Jab



 Raccattavo gattini ovunque. Li portavo a casa e la famiglia cresceva. Quando uno di loro partoriva, guai se i miei genitori pensavano di regalare uno dei gattini: mai separare mamma e cuccioli. Mai separarli da me :-)

Mio padre assecondava la mia passione. La realtà è che ero un'ottima scusa per dare una giustificazione al suo amore per gli animali. Mi metteva in macchina e mi portava di qua e di là ogni qualvolta trovava una nuova cucciolata. I cavallini, i gattini, i coniglietti, i cagnolini. 
Quando ero piccina piccina mi portava al canile, lui munito di biscotti per ammaliare il cane più feroce, io armata del desiderio che solo un bambino ha davanti a un cagnolino. 
Non esisteva cane feroce e, anche quello che nessuno avvicinava, non era per me un pericolo: docile come un agnellino e pronto a farsi strapazzare da me...e a prendere i biscotti da mio padre. 
Dopo altri cani, a 8 anni è arrivata Bianca. Una dolcissima cucciola di pastore maremmano. Testarda come tutti i maremmani, affettuosa e protettiva come una mamma. 
E' stata la mia migliore amica per 8 anni. Quando ero triste andavo da lei e le raccontavo i miei problemi. Lei mi ascoltava. 
Nei momenti più cupi di bambina la abbracciavo e le ripetevo "Bianca, solo tu mi capisci".  
Non è più con me da 14 anni, ma mi manca sempre e ancora.

Vivo a Milano da quasi 10 anni e dal mio arrivo avrei sempre voluto un cucciolo. Tra convivenze universitarie, coinquilini instabili, studi e lavori improbabili, finalmente sono arrivata alla stabilità necessaria, insieme al mio lui, per prendere un cucciolo. 
Jab è stato il regalo del mio amore per i miei 28 anni. Il regalo più bello che avesse potuto mai farmi e fare a entrambi. 
Jab ha riempito la nostra vita con il suo affetto e la sua infinita gioia di vivere altamente contagiosa.
Con Jab è cambiato il mio modo di avere un cane. Bianca era la mia migliore amica, mia madre si prendeva cura dei suoi bisogni fondamentali. Io giocavo con lei, le facevo compagnia. Studiavo anche in giardino per trascorrere più tempo possibile insieme, lei dal canto suo mi proteggeva, era la mia tata. Jab è come se fosse un figlio, ha bisogno di me, si fida ciecamente di me. 
E' arrivato con noi a casa a soli 2 mesi e, nel tragitto verso casa, continuavo ad accarezzargli il pancino per farlo stare tranquillo. Lui ogni tanto mugugnava, ma era sereno. Tutto normale finché la mia mano era su di lui. 
Avevamo paura che sentisse il distacco dalla mamma e dai fratellini. Tanti ci avevano messo in guardia raccontandoci le proprie esperienze. Invece Jab, dal momento in cui è entrato in casa, sembrava avesse capito il suo posto, che la sua nuova famiglia eravamo proprio noi. 
Ricordo benissimo il momento in cui, quella sera, abbiamo spento le luci per andare a dormire con l'ansia che potesse avere paura del buio, paura di sentirsi solo. Avevo messo i miei peluche (sacri, lo sanno bene il mio fidanzato e la mia mamma :-) ) nella sua cuccia per farlo sentire in compagnia. Tante preoccupazioni svanite appena il buio ha invaso la stanza. Silenzio. Jab si è addormentato. Effetto immediato!  
Non potevamo crederci. Con lui abbiamo avuto tante fortune. E' un cucciolo indipendente, non piange se rimane a casa da solo, dorme di notte e ha imparato in pochissimo tempo dove fare i bisognini. 

Eppure Jab ha bisogno di noi.   
Se non dorme abbastanza diventa irrequieto e dispettoso, se si fa male ha bisogno di essere consolato. 
Corre da noi se ha paura, se ha fame, se vuole giocare, se sente male. Corre da noi sempre, solo perché desidera stare con noi.
La notte qualche volta fa gli incubi, capita che si calmi con una semplice carezza, altre volte si sveglia impaurito. Piange un attimo, ci cerca e corre a rannicchiarsi tra le nostre braccia. 
Quando lo fa, mi sento importante.  

Con lui sono diventata ansiosa. Sono sempre stata fatalista, mi sono sempre innervosita di fronte a persone esageratamente preoccupate. Ora invece sento di dover proteggere lui che mangia qualunque cosa gli porgo senza neanche annusarla, che si lascia lavare in ogni angolo del suo corpo anche se non gli fa piacere, aiutare se qualcosa non va, che mi fa capire se gli fa male un dentino, lui che controlla sempre cosa faccio e dove vado.
La pappa giusta, le cure per farlo crescere bene, i giochini nel congelatore per dare sollievo alle gengive irritate dai dentini caduti, l'educazione giusta per farlo relazionare con noi e il resto del mondo. E poi la paura che si faccia male, che venga morso da una zanzara, che prenda freddo al parco, che un cane lo morda, che scappi in mezzo alla strada, che si lanci dalla finestra, che si affoghi con un giochino. Sono una padrona ansiosa, lo so. 

Con i cani avuti prima, non mi ero resa conto di quanto il padrone fosse fondamentale per loro, di quanto un cucciolo avesse bisogno di attenzioni e affetto.  Ogni giorno una scoperta nuova. 
Bisogna essere capaci di dargli sicurezza, di farli crescere senza paure, né tantomeno spericolati, bisogna insegnargli a rispettare le regole. 

Un cucciolo ti dà tantissimo, ma ha anche bisogno di tante attenzioni.
Proprio perché ora sto vivendo tutto questo e per aver notato quanto è sottovalutata l'adozione di un cane, voglio parlarvi di una iniziativa della Purina volta proprio alla sensibilizzazione dei "nuovi padroncini" e alla diffusione delle informazioni necessarie per vivere bene con un cagnolino. 

Oggi quindi niente ricette, ma solo un infinito racconto e una "comunicazione di servizio" che spero possa interessare ed essere utile a qualcuno. 

Purina ha lanciato Il mese del cucciolo, un mese dedicato ai cagnolini dai 2 ai 24 mesi in cui, portando il vostro cucciolo a fare una visita dai veterinari convenzionati, riceverete un kit contenente delle pappe di prova, dei buoni sconto, un libretto ricco di informazioni su come comportarvi con il vostro cane e soprattutto una assicurazione della durata di 9 mesi per la salute del vostro cucciolo. 
L'assicurazione che otterrete è valida per le cure sanitarie del vostro cucciolo dovute a incidenti esterni alla normale gestione. 
Oltre a tutto questo, sul sito Il mese del cucciolo trovate tante utili informazioni su come accudire il vostro cucciolo. 
Avete tempo fino al 15 febbraio per usufruire dell'offerta! 

Concludo con questa frase, tratta proprio dal libretto Purina: 
"Adottare un cane può essere l'unica opportunità per un essere umano di scegliersi un parente". 

15 commenti:

  1. Che amore, fa una tenerezza infinita :)
    Il desiderio di prendere un cagnolino non si è mai spento nel mio profondo ma ho paura di fargli troppo "male" lasciandolo solo per tutto il giorno chiuso in un piccolo appartamento. Penso mi sentirei in colpa nei suoi confronti per non riuscire a ricambiare tutto l'affetto che sarebbe capace di darmi nel modo migliore.
    Un abbraccio e una coccola a Jab ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. capisco perfettamente quello che dici...è il motivo per cui abbiamo fatto il passo solo ora... :*

      Elimina
  2. Bellissimo questo post, pensa che io da piccola avevo il terrore dei cani trasmesso da mia madre. Adesso mi piacciono tantissimo e, in questo momento ho un cucciolo di maremmano arrivato all'età' di due mesi! È' stupendo, vive in giardino ed è' molto protettivo con noi è con il bambino! Bella iniziativa di Purina, vado a dare un'occhiata. A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che peccato avere paura dei cani da piccini... i cani danno il meglio di sè con i bimbi! :-)
      Oh mamma mia.... io ho un debole per i maremmani visto l'amore per la mia Bianca... sicuramente sarà un ottimo compagno di giochi per il tuo bambino!

      Elimina
  3. mai avuto un cane, solo un paio di gatti hanno girato per casa ma non è scattato mai questo senso di affetto!! Però ora che vivo con Enrico, e che abbiamo spazio sufficiente, lo desidero tanto (e anche lui). Tuttavia, consapevole del poco tempo che potremmo dedicargli, desistiamo..questo racconto accende ancora di più la voglia di averne uno :)!
    Bella l'iniziativa..grazie per la condivisione. Un bacio a te e al piccolo Jab :)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i gatti il legame è molto diverso... percepisci la loro indipendenza... il cane invece ti ama incondizionatamente, l'importante è essere con te, il resto non conta...è lì che ti fregano e ti mandano completamente in fusione cuore e testa :-))

      Elimina
  4. Ho due cani... Capisco perfettamente le tue parole e condivido tutto quanto. Bellissimo post

    RispondiElimina
  5. Mi hai fatto commuovere! Sarà che ho vissuto la tua medesima esperienza (ed è impressionante!), infatti da quando c'è Marshmallow nella mia vita è tutto cambiato! Proprio stanotte mi son ritrovata a dormire sul divano perchè il piccolo monello aveva le coliche... come ti comprendo! Ma che meraviglia vederlo al parco, che meraviglia aver riscoperto la gioia di stare all'aperto insieme al pelosetto! Una gioia infinita vederlo attento mentre io pasticcio con le mie torte, con i suoi occhioni azzurri in una continua ricerca di carezze o cibo, una meraviglia quando torno a casa dal lavoro e lui corre come un pazzo per farsi coccolare da me! Io e il mio fidanzato abbiamo riscoperto la gioia di essere insieme, di occuparci di lui, di avere un obiettivo comune: farlo stare bene! Grazie Tery per questa testimonianza, grazie perchè è come se questo post parlasse di me, di noi!
    Ps. il mio cucciolo dorme esattamente come il tuo: con la testa penzoloni... finchè non arriva mia mamma e gli posa un cuscino sotto il musetto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia... quanto è bello il tuo Marshmallow?!?!
      Tu ti ritrovi nelle mie parole e io nelle tue.... cambia la vita, cambia la relazione con il fidanzato...si riscopre una gioia...immensa! :-)

      Elimina
  6. Come ti capisco, condivido tutti i sentimenti che hai scritto, anche io da 4 mesi ho accolto a casa mia Luna una cucciola di 6 mesi e la nostra vita è cambiata, mentre scrivo,lei sta poggiata su di me ed io con l'altra mano la sto accarezzando :-)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 praticamente lo abbiamo preso nello stesso periodo! il mio cucciolo fa 6 mesi tra 14 giorni :)

      Elimina
  7. Ne parli veramente come se fosse un figlio, ma gli animali un po' lo sono. Diventano a tutti gli effetti membri della famiglia e hanno bisogno di tutte le cure e le attenzioni possibili.
    Avere un animale in casa è anche un bell'impegno.
    Immagino quella prima notte in cui sarà stato difficile capire quali fossero i peluches e quale il tuo cucciolo.
    Fabio

    RispondiElimina
  8. Oddio che carinoooooooo!!! anche io adoro gli animali, ho sempre vissuto da piccola con cani e gatti e penso che un amico peloso riempia di gioa la vita e ci aiuti anche a diventare delle persone migliori

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails