martedì 25 dicembre 2012

Il Vin brulé per un Natale che profuma di buono



Un sereno e caldo Natale a tutti. Un Natale di affetto, di casa e di profumo di buono. 

Vin brulè


sabato 22 dicembre 2012

Il panettone con farina di segale

E' ora che mi sbrighi a pubblicare la ricetta del panettone!! E' già sabato!!! 
Scusate il ritardo ma la sfornata è avvenuta solo 3 giorni fa... poi il tempo di raffreddamento, fai le foto, assaggia e aspetta il giorno dopo per vedere se migliora il gusto come capita sempre.... insomma, il tempo passa in fretta! 
Il panettone di quest'anno l'ho realizzato con l'ausilio di un grande panificatore, Armando Salvetti, che ha fatto scatenare il mondo della rete con la sua iniziativa #iltuopanettone, di cui vi ho parlato qui

DSC_8730

mercoledì 19 dicembre 2012

Lasagne alla zucca gluten-free

Ultimamente mi trovo circondata da gluten-free. In ufficio mangio biscotti gluten-free, a casa mi ritrovo pasta e lasagne e anche nei discorsi entra spesso il senza glutine. Eppure in famiglia nessuno ha problemi di celiachia o intolleranze al glutine, strano no?! 
Un po' c'entra anche il fatto che la DS-Gluten Free ha deciso di farmi assaggiare i suoi prodotti dopo un corso tenutosi qualche mese fa (scrivo sgranocchiando i loro savoiardi, ehmm) ed era inevitabile che mi mettessi alla prova.

Lasagne gluten-free

giovedì 13 dicembre 2012

Ravioloni di frolla con crema al cioccolato

Ci sono periodi in cui la voglia di scrivere sembra prendere vie diverse dalla mia vita, nonostante poi la penna o i tasti di un computer mi hanno accompagnato sin da quando ero bambina. 
Ho sempre amato scrivere, da piccola fino ai tempi dell'università - che a dirlo così sembra una cosa molto molto lontana - ho sempre avuto un mio diario segreto. 
I miei pensieri, accompagnati da un sottofondo musicale e le pagine bianche diventavano storie in pochi minuti. 
Dopo il diario, è arrivato il blog. Storie diverse, racconti meno intimi, ma sempre un luogo in cui raccontarsi. 
Oltre a questo, però il blog è anche un angolo in cui raccontare di cose che ci capitano, dei tanto dibattuti eventi, di prodotti che riteniamo più o meno buoni e poi di azioni che hanno un senso, come nel caso di progetti umanitari, da associazioni che vivono per aiutare il prossimo.

Ravioli di frolla ripieni di cioccolato

lunedì 10 dicembre 2012

Aspettando il Natale: Fagiano in umido

A volte sembra che gli eventi non capitino per caso. Dovevamo fare l'albero di Natale già da qualche giorno, ma il tempo era sempre troppo poco per dedicarsi. Poi anche un week end fuori saltato. Disdetta, avevo comprato il fagiano che non si trova mia, il gorgonzola cremoso, le mozzarelle finalmente buone, e i fagioli secchi da fare al camino per mangiarli in famiglia. 
Non ti aspetti che da un programma andato in fumo nasca la magia, eppure, neanche a dirlo, mi sono ritrovata seduta al pc e a raccontarvi di quanto i giorni appena trascorsi siano stati perfetti. 
Un pomeriggio trascorso a fare l'albero di Natale, con il solito entusiasmo, ma anche di più. Il primo Natale con Jab è un momento da ricordare. Le prime palline rubate, le foto con il cappello da Babbo Natale, il profumo del vin brulé e anche la neve che fiocca. 
Tutto sembrava essere fatto apposta per noi. 
Una passeggiata al parco e poi, a 2 metri dal portone di casa, i primi fiocchi di neve a salutarci, i primi conosciuti da Jab. :-) 
Per completare il pacchetto, il giorno prima ho avuto anche la fortuna di trovare il fagiano al supermercato, volatile che non mi era mai capitato di trovare prima tra i bancone. Da figlia di ex cacciatore, cuoca di casa e fidanzata di un carnivoro, quel fagiano non poteva che finire nel carrello. 

Fagiano in umido

giovedì 6 dicembre 2012

Filetto di stoccafisso al porro di Cervere

In questo periodo dell'anno essere blogger è ancora più bello del solito. Oltre al fatto che le ricette di Natale prendono il sopravvento, le aziende e le agenzie di comunicazione mandano a casa doni inaspettati, giusto per coccolarci un po'.  Ci sono anche aziende che di coccole ce ne fanno spesso, come ad esempio,  la Norge con il suo carinissimo lunch box per la pausa pranzo.
Certo, è sempre pubblicità, ma se il gesto viene fatto con estrema discrezione, senza fare la minima richiesta e senza neanche specificare dove si trovano i propri prodotti, ecco che un gesto fatto con scopi ben chiari, appare come un pensiero gentile.
DSC_8464

lunedì 3 dicembre 2012

Mousse di cioccolato all'acqua

Da tantissimo tempo volevo provare questo dessert. Un aspetto splendido, consistenza spumosa e due soli ingredienti a comporlo? Prima o poi doveva entrare in casa mia! 
Così, sabato scorso, in occasione di una cenetta in famiglia ho colto l'occasione e, dopo aver letto con attenzione il post di Dario Bressanini, mi sono messa all'opera. Risultato? 
Ho impiegato decisamente più tempo a leggere l'articolo che a prepararlo! 
10 minuti in totale e il dessert era pronto. 
Per i miei gusti che non sono proprio avvezzi a dessert troppo cioccolatosi,  questa mousse, servita da sola, risulta troppo pesante per il palato. Alleggerendola con biscotti o con un pan di spagna intriso con una bagna aromatica, dà sicuramente il meglio di sé. 
In ogni caso, vi consiglio di provarla.... troppo geniale per lasciarsela scappare! 



Ingredienti per 2 persone:
100 gr di cioccolato fondente
100 gr di acqua (nel caso in cui il cioccolato fondente abbia il 34-36% di grassi, altrimenti va fatto il seguente calcolo: (tot gr di grasso presenti in 100 g di cioccolatox100)/34. Nel mio caso il cioccolato aveva il 34-36% di grasso, per cui la proporzione risulta perfettamente corrispondente.)

Procedimento:  
Fondere il cioccolato in una pentola dal fondo spesso a fuoco lento. Quando fuso, versate l'acqua tutta in una volta e amalgamate. Fate riposare qualche minuto per fare agire la lecitina del cioccolato e, a questo punto, ponete la pentola in una insalatiera piena di acqua e ghiaccio e montate con un frullatore a immersione per qualche minuto fino a ottenere un composto spumoso. 
Dividere nei bicchieri e tenere in frigorifero fino al momento di servire. Io ho servito con amaretti sbriciolati. A mio avviso l'aggiunta di un biscotto o di un altro elemento è fondamentale per alleggerire il sapore del cioccolato. 

English Version -  Chocolate mousse
Ingredients: 

100 grams of dark chocolate
100 grams of water (in the case where the chocolate has the 34-36% of fat, otherwise to be done the following calculation: (tot grams of fat present in 100 g of chocolate x 100) / 34. In my case the chocolate have the 34-36% of fat, the proportion is perfectly correspondent.)


Direction: 

Melt the chocolate in a thick-bottomed pan over low heat. When melted, pour the water all at once and mix. Let rest a few minutes to act th lecithin of chocolate. At this point, place the pot in a bowl full of ice and water and mounted with a hand blender for a few minutes until frothy.
Divide into glasses and keep in the refrigerator until ready to serve. I served with crumbled macaroons. I think the addition of a cookie or another element is essential to lighten the taste of chocolate.
Related Posts with Thumbnails