lunedì 10 dicembre 2012

Aspettando il Natale: Fagiano in umido

A volte sembra che gli eventi non capitino per caso. Dovevamo fare l'albero di Natale già da qualche giorno, ma il tempo era sempre troppo poco per dedicarsi. Poi anche un week end fuori saltato. Disdetta, avevo comprato il fagiano che non si trova mia, il gorgonzola cremoso, le mozzarelle finalmente buone, e i fagioli secchi da fare al camino per mangiarli in famiglia. 
Non ti aspetti che da un programma andato in fumo nasca la magia, eppure, neanche a dirlo, mi sono ritrovata seduta al pc e a raccontarvi di quanto i giorni appena trascorsi siano stati perfetti. 
Un pomeriggio trascorso a fare l'albero di Natale, con il solito entusiasmo, ma anche di più. Il primo Natale con Jab è un momento da ricordare. Le prime palline rubate, le foto con il cappello da Babbo Natale, il profumo del vin brulé e anche la neve che fiocca. 
Tutto sembrava essere fatto apposta per noi. 
Una passeggiata al parco e poi, a 2 metri dal portone di casa, i primi fiocchi di neve a salutarci, i primi conosciuti da Jab. :-) 
Per completare il pacchetto, il giorno prima ho avuto anche la fortuna di trovare il fagiano al supermercato, volatile che non mi era mai capitato di trovare prima tra i bancone. Da figlia di ex cacciatore, cuoca di casa e fidanzata di un carnivoro, quel fagiano non poteva che finire nel carrello. 

Fagiano in umido


Il fagiano, come il resto della cacciagione ha una carne coriacea che necessita di qualche accortezza per la realizzazione e di una lunga cottura per renderlo tenero oltre che gustoso. 
In questo caso, la pancetta protegge le carni e aiuta a renderle succulenti. 

Ingredienti per 4 persone:
un fagiano
1 etto di pancetta in fette
uno spicchio d'aglio
qualche bacca di ginepro
un rametto di timo
mezzo bicchiere di brandy
3-4 cucchiai di panna
olio evo
sale e pepe

Procedimento: 
Innanzitutto pulite il fagiano e dividetelo in parti: tagliate via testa e zampe e strinatelo con il cannello o con una fiamma ben forte. 
Ora siete pronti per tagliarlo in pezzi. Iniziate dalle ali e dalle cosce, facendo attenzione a tagliare in corrispondenza dei legamenti in modo da non tagliare l'osso e avere antipatiche schegge nel piatto. 
Tagliate il resto del corpo con una mannaia in 4 parti, eliminate le interiora ed eventualmente dividete in pezzi ancora più piccoli. 
Eliminate tutto lo strato di grasso spesso e giallo e tenete solo la pelle più sottile. 
Le ali e le cosce sono pronte per essere messe in padella, le altri parti avvolgetele nella pancetta e chiudete con uno spago. 
In una padella fate rosolare uno spicchio di aglio schiacciato in poco olio, unite il fagiano e fate colorire su tutti i lati. A questo punto sfumate con il brandy e lasciate evaporare. 
Unite le spezie, sale, pepe, poca acqua e abbassate la fiamma. Coprite e fate cuocere per almeno un'ora e mezzo, aggiungendo altra acqua se necessario. 
Se la carne risultasse ancora dura, prolungate la cottura ulteriormente. 
Prima di spegnere unite la panna, amalgamate e servite dopo aver eliminato lo spago. 


English Version -  Stewed pheasant
Ingredients: 

a pheasant
1 pound of bacon in slices
a clove of garlic
a few juniper berries
a sprig of thyme
half a glass of brandy
3-4 tablespoons of cream
extra virgin olive oil
salt and pepper


Direction: 

First clean the pheasant and divide it into parts, cut off the head and legs and singe it with a very strong flame very strong.
Now you are ready to cut it into pieces. Start with the wings and thighs, making sure to cut at the ligaments so as not to cut the bone and have nasty chips into the pot.
Cut the rest of the body with a cleaver into 4 pieces, remove the innards and eventually divide into even smaller pieces.
Eliminate all the thick and yellow layer of fat and just keep the thinner skin.
The wings and thighs are ready to be put in the pan, wrap the other parts in bacon and close with a string.
In a skillet, sauté a clove of crushed garlic in a little oil, add the pheasant and then color on all sides. At this point, pour in the brandy and let it evaporate.
Add the spices, salt, pepper, a little water and lower the heat. Cover and cook for at least an hour and a half, adding more water if necessary.
If the meat still proves hard, increase the cooking time further.
Before switching off add the cream, stir and serve after removing the string.

4 commenti:

  1. è una vita che non mangio il fagiano..e cosi come lo hai fatto tu non l'ho mai mangiato...ma so di che carne stai parlando..mi piace molto come tutta la cacciagione :)!
    Bella l'atmosfera che racconti..noi anche abbiamo vissuto questa magia sabato, purtroppo però solo in tardo pomeriggio a causa dello studio!! ma va be, accontentiamoci :D!
    Buona settimana Tery :D!

    RispondiElimina
  2. adoro i tuoi piatti d'altri tempi!

    RispondiElimina
  3. Da noi è praticamente impossibile trovare un fagiano. Per fortuna tempo fa me ne regalò uno un'amica "delle tue parti" e mi piacque molto (pallini a parte :-D).
    Il tuo sembra delizioso!
    Mi fa piacere che il week end saltato sia stato comunque bello e piacevole.
    Ora non mi resta che aspettare le foto col cappello di Babbo Natale! :-D
    Fabio

    RispondiElimina
  4. in effetti dagli imprevisti possono nascere momenti molto piacevoli! immagino la faccia del tuo cagnolino davanti ai fiocchi di neve :-)
    mai cucinato il fagiano ma le tue istruzioni chiarissime e la foto fanno venire voglia di cercarlo anche nel mio supermercato
    buona settimana
    Claudia

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails