venerdì 3 agosto 2012

#IoLaMafiaMeLaMangio: Torta soffice al limone con marmellata di limoni Libera

Finalmente è l'ultimo post prima delle vacanze. Oggi sono in partenza, direzione Calabria e proprio perché la meta è questa, ho aspettato questo post per parlavi di un tema importante, la mafia. 
Il Sud Italia è un luogo magico: un luogo dove la terra è ancora selvaggia, ma la tecnologia ha fatto il suo corso; un luogo in cui esistono ancora valori forti, spesso persi nelle grandi città; un luogo dove purtroppo esistono ancora tanti, troppi controsensi. Un luogo dove la mafia ha ancora spazio. 



A parlare di un tema tanto importante ci ha pensato Valeria - che ringrazio tantissimo - realizzando un contest dal titolo #IoLaMafiaMeLaMangio (titolo con ashtag volutissimo per diffondere il tema anche sui social network), richiamando l'attenzione sul lavoro di alcune cooperative che fanno un lavoro bellissimo: sfruttano i terreni espropriati alla mafia per creare qualcosa di buono. Libera è una cooperativa creata per il volere di Don Ciotti, per dare una alternativa ai giovani che non sia la mafia. 
Tramite queste cooperative si creano posti di lavoro, si fa informazione e si scongiura tutto ciò di cui la mafia si nutre: disoccupazione, ignoranza.
La Bottega di Libera Terra non crea solo prodotti, crea speranza, coraggio, desiderio di non sottostare più alle cattive dinamiche del Sud. I giovani di Libera non solo non sono scappati come tanti di noi hanno fatto, me compresa, ma hanno investito sul proprio territorio e hanno affrontato un problema enorme del nostro territorio. 
Sono felice di scrivere questo post e di lasciarlo sul blog fino al ritorno dalle vacanze, così, chiunque passa, per un mese intero si troverà questo davanti. Qualcosa di buono, non solo una ricetta. 

Per partecipare al contest, anche se fuori tempo massimo, sono andata alla ricerca dei prodotti alla Coop (potete acquistare i prodotti di Libera in tutte le Coop o acquistarli online direttamente sul loro sito) e sono tornata a casa con un delizioso vasetto di marmellata di limoni e un sacco di altre cosettine! 
Per ora vi mostro cosa ho fatto con la marmellata. Un dolce in cui il limone è protagonista entrando nell'impasto, nella bagna e ovviamente anche nel ripieno. Un limone aspro che però sa rendere speciali moltissimi piatti, un po' come il sud con i suoi problemi. A volte penso che i prodotti del Sud, limone compreso ovviamente, rappresentano un po' il territorio stesso. 



Prima di lasciarvi la ricetta, vi saluto e vi auguro un agosto spensierato e sereno, fatto di mare, sole e gambe incrociate! :-)) A risentirci a settembre!! E, riprendendo una frase di Valeria: Che il cibo sia con noi e la mafia no.




Torta soffice al limone con farcia di marmellata di limoni

Ingredienti per una tortiera da 20-22 cm di diametro:
350 g di farina
100 g di zucchero se la farcite. Se non la farcite fate 200 g
250 g di latte
una noce di burro
3 uova
una bustina di lievito per dolci
1 limone, scorza e succo
zucchero a velo

Limoncello per la bagna
marmellata di limoni per la farcitura

Procedimento:
Fate sciogliere la noce di burro. 
In una terrina unite farina, latte, uova, lievito e burro. Mescolate bene con una frusta e quando avrete un composto liscio e omogeneo unite la scorza grattugiata del limone e tutto il succo. Amalgamate bene il tutto e versate in una tortiera di 20-22 cm di diametro ben imburrata. 
Fate cuocere in forno caldo a 180° per 30-35 minuti. Fate la prova stecchino per verificare la cottura. 
Lasciate raffreddare e, quando fredda, tagliate innanzitutto la calotta della torta che fa l'effetto montagnetta, in modo da appianare i 2 strati. Poi tagliate la torta in 2 dischi dello stesso spessore. 
Bagnate i 2 lati centrali dei dischi con il limoncello. Farcite il disco che farà da base con la marmellata di limone e ricomponete la torta, ponendo il secondo disco sopra la marmellata. 
Prima di servire, cospargete di zucchero a velo. Servite accompagnando con un ciuffo di panna. 

English Version - Lemon soft cake and lemon jam

Ingredients: 

350 g of flour
100 g of sugar if you stuff the cake, otherwise 200 g
250 g of milk
a knob of butter
3 eggs
Baking powder
1 lemon, zest and juice
icing sugar


Limoncello for wet
lemon marmalade for topping



Direction: 

Melt the butter.
In a bowl combine flour, milk, eggs, baking powder and butter. Mix well with a whisk and when you have a smooth and homogenous creme add the grated rind of the lemon and lemon juice. Mix well and pour into a pan of 20-22 cm in diameter well buttered.
Bake in preheated oven at 180 degrees for 30-35 minutes. Do the toothpick test to check the cooking.
Let cool and when cold, cut of the top of the pie with shell shape (that is the effect). Then cut the cake into 2 discs of the same thickness.
Wet the 2 sides of the central disk with limoncello. Stuff the cake with the lemon 
jam and

 recompose the cake, putting the second disc over the jam.

Before serving, sprinkle with powdered sugar. Serve with  whipped cream.

14 commenti:

  1. Ottima ricetta e ashtag azzeccatissimo... Mi piace!
    Auguri di buonissime vacanze nella tua terra ci rileggiamo a settembre, un bacio

    RispondiElimina
  2. Teresa bellissima questa iniziativa, ho letto che il contest si protrae fino a settembre. Sono felice ,ho la possibilità di partecipare, in quanto siciliana argomenti come questi mi toccano particolarmente.
    Buone vacanze cara ;)

    RispondiElimina
  3. bella l'iniziativa e anche la tua ricetta!!!!
    buonissime vacanze :D

    RispondiElimina
  4. Concordo su tutti i fronti e bellissima iniziativa. Fai tante belle vacanze carissima! Bacioni

    RispondiElimina
  5. Ti auguro meravigliose vacanze !!!!

    RispondiElimina
  6. Come mi piacciono le torte al limone! Questa deve essere buonissima!

    RispondiElimina
  7. Ciao Tery, tu sarai anche scappata, come dici, ma anche da lontano fai qualcosa per la tua terra, col tuo blog racconti a tutti la storia della Calabria e certamente l'informazione che offri è utilissima.
    La conoscienza rende liberi e tu fai conoscere. Un abbraccio (ho parlato con Max ;-) )

    RispondiElimina
  8. Piacere di conoscerti! Aspetteremo il tuo ritorno con ansia,per poter gustare ancora le tue meravigliose ricette!

    RispondiElimina
  9. Ciao Tery, ti chiami come me ... sei passata a trovarmi nel mio blog e ti sei iscritta e allora ti ho trovata! Non conoscevo il tuo blog e tantomeno avevo letto la tua partecipazione a questa iniziativa.
    Ora vado a leggermi i vari link che hai messo in questo post. Ti ringrazio e penso ti verrò a trovare ancora.

    RispondiElimina
  10. La ricetta è bellissima ma le tue parole lo sono ancor di più! Ti leggo da pochi giorni e sto spulciando qua e là tra le ricette, mi ha subito attratto il titolo in cui citavi "Libera". Anche io sono calabrese e quando dici che la mafia si nutre di disoccupazione non puoi che trovarmi d'accordo, negli anni ho visto tanti parenti e ancora oggi tanti amici, giovani, lasciare la terra di Calabria per "cercare fortuna". Con questo scenario è facile cadere nelle grinfie della piovra che ti promette soldi facili e tanti. Ci vuole più coraggio a restare che ad andarsene, ci vuole forza per lottare tutti i giorni contro il pregiudizio, l' omertà, l' abbandono. I ragazzi di Libera sono da ammirare perché "semplicemente" lavorano, lottano non solo coi grandi paroloni (per carità ci vogliono anche quelli!!!) ma lavorando dal principio, dalla terra, per dare a se stessi e a noi la speranza che davvero, se vogliamo, qualcosa possiamo cambiarla.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, grazie mille per questo tuo bellissimo commento. Quando avevo scritto questo post una delle cose che mi avevano fatto notevolmente arrabbiare era stata la noncuranza dei lettori: bella la torta, ma il problema della mafia nessuno l'ha considerato. Concordo su tutto quello che hai detto, i ragazzi di Libera sono da ammirare perchè sono lì e lavorano attivamente per cambiare le cose. Se solo fossimo tutti così come loro!

      Elimina

Related Posts with Thumbnails