mercoledì 18 luglio 2012

Phag Sha: Costolette di maiale tibetane

Mesi fa ho avuto l'occasione di seguire un corso di cucina tibetana insieme a Cristiano da Teatro 7, famosa scuola di cucina di Milano. 
Inutile dire che è stato un corso molto particolare, non solo perché non avevo mai avuto modo di avvicinarmi alla cucina tibetana, ma soprattutto perché gli insegnanti sono stati davvero d'eccezione: i monaci della comunità buddista di Milano.

Silenziosi, tranquilli, attenti, ci hanno portato nella loro cucina parlando appena, ma insegnando tutto alla perfezione.
La cosa più dura è stata capire come realizzare tutte le splendide forme dei ravioli!! ...Ma per quello penso che mi servirà ancora molta molta pratica.
Oltre alla montagna di ravioli al vapore preparati, in tavola sono arrivate anche queste costolette, tagliate piccoline piccoline (le mie sono il doppio), da prendere con le mani e addentare e continuare a mangiarne a mo' di caramelle: sono di un buono veramente eccezionale! Uscita dal corso il primo pensiero è stato "Queste costolette devo rifarle" e di fatti, anche se con mesi di distanza, eccole qui!
Si, lo so, è l'ennesima ricetta che richiede il forno, ma io questa volta non sono stata la solita matta....qualche giorno fa ho ricevuto in regalo l'Airfryer della Philips: non potete immaginare quanto io mi stia divertendo!!!
Non solo frigge praticamente senza olio, ma è anche un perfetto forno ventilato, che, a differenza del forno normale, si scalda in 3 minuti e non soprattutto non porta la casa a temperature tropicali! 

Ingredienti per 2 persone:
8 costolette di maiale
100 g di yogurt
3 cucchiai di salsa di soia
2 spicchi d'aglio
1 cucchiaino di garam masala (io ras el hanout)
Mezzo cucchiaino di curcuma
1 dado vegetale (io ho usato il mio home made, se non lo avete, omettetelo pure!)
1 cucchiaino di sale

Procedimento: 
Tagliate le costine in pezzi da 4 cm e fateli bollire in acqua salata per 20 minuti. 
Trascorso questo tempo, scolate le costine e lasciatele raffreddare completamente.
Nel frattempo preparate la marinata:
tritate l'aglio, amalgamate yogurt e salsa di soia e unite tutti gli altri ingredienti, aglio, curcuma, garam masala, sale e il dado.
Unite le costine, mescolate bene e versate il tutto già nella teglia in cui verranno cotte. 
Dopo un'ora di marinatura fate cuocere in forno a 180° per 30 minuti circa. 

English Version -   Phag Sha: Tibetan Pork Ribs
Ingredients: 

8 pork ribs
100 g of yoghurt
3 tablespoons soy sauce
2 cloves of garlic
1 teaspoon of garam masala (I ras el hanout)
Half a teaspoon of turmeric
1 stock-cube (I used my home made, if you have not, omettetelo well!)
1 teaspoon salt



Direction: 

Cut ribs into 4 cm pieces and boil in salted water for 20 minutes.
After this time, drain the ribs and let cool completely.
Meanwhile, prepare the marinade: 
chop the garlic, mix yogurt and soy sauce and add all other ingredients, garlic, turmeric, garam masala, salt and stock-cube.

Add the ribs, mix well and pour into the pan in which they will be already cooked.
After an hour of marinating cook in oven at 180°C for 30 minutes.

20 commenti:

  1. Che bella quella marinata profumata allo yogurt. Una ricettina che farebbe di sicuro leccare i baffi al mio carnivoro di casa :) Bacioni, buona giornata

    RispondiElimina
  2. ma cos'è sto gioiellino che hai ricevuto??? lo voglio pure ioooooo :D!!

    RispondiElimina
  3. ps.: mi hai messo voglia di costolette :)!!

    RispondiElimina
  4. ...arrivo qui attraverso la condivisione di Cristiano....il piatto sembra molto buono..il sacrificio di accendere il mio comunissimo forno potrei anche farlo! ;) A presto,Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille di esser passata Sara! :-)) vale la pena di accendere anche il forno per queste costolette! ;)

      Elimina
  5. Questo piatto, non lo conoscevo proprio e penso che sia ottimo!
    Ma sopratutto ...L'Airfryer deve essere una vera figata! :))

    RispondiElimina
  6. Chissà che meraviglia in monaci in cucina ad insegnare! Adoro il Tibet e spero di poterci andare un giorno.
    Ciao Tery, nn mangiare troppo pesto neh? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono deliziosi i monaci in cucina: calmi, silenziosi, affiatati, veramente bello vederli all'opera!
      Spero anche io di poter andare in Tibet, è un paese che mi affascina tantissimo!
      Per il pesto...non assicuro niente! :-)) Un abbraccio!

      Elimina
  7. Ciao cara! Conosco Teatro 7 solo di nome ma non sapevo che arriva ad organizzare serate di questo tipo.
    Mi hai molto incuriosito anche circa l'Airfryer ... avevo già sentito qualcosa in merito all'utilizzo di pochi grassi per friggere e nessun odore in cucina grazie ad un apposito filtro ... ma non sapevo si potesse usare anche come forno ventilato ... caspita approfondirò! ;-)
    Ad ogni modo queste costine sembrano a dir poco favolose ... complimentissimi!
    Un bacione Monique

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è veramente fantastico!
      Gli odori però...qualcosa esce! Certo, non il terribile tanfo da frittura!
      Grazie mille Monique :)

      Elimina
  8. Tery questa te la copio...il passaggio in pentola prima della marinatura...non ci avevo proprio pensato...Airfryer lo avevo adocchiato anchio...quindi vale la spesa da quello che dici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io in 2 settimane ci ho fatto di tutto! Patatine, costolette, pollo, crostatine... è veramente una cosa divertentissima!!

      Elimina
  9. Ma così non vale. Tu hai il trucco e il forno a temperatura in 3 minuti lo voglio anche io. E queste costine che di solito nelle grigliate estive non mancano mai mi stanno facendo venire una gran acquolina. Bello il corso tibetano e soprattutto bello quando ad un corso si apprendono nozioni che poi in casa sono replicabili. La prossima volta che ci vediamo racimoliamo insieme :-)! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì hai ragione, non vale :-)))
      Ti aspetto allora per una giornata in cucina!! :D

      Elimina
  10. Sai che non so niente della cucina tibetana? proprio non ho idea, immagino sia simile a quella cinese. In generale non amo moltissimo le costolette di maiale, i ravioli invece mi interesserebbero un sacco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che anche io prima di questo corso non sapevo proprio nulla...! Però è stata una bella scoperta!!

      Elimina
  11. Questo piatto mi piace moltissimo!
    Se ti va passa a fare un giro da me:http://lestagionideisapori.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ro, grazie mille di esser passata! Passerò al più presto da te :)

      Elimina

Related Posts with Thumbnails