giovedì 28 giugno 2012

Quante ne sappiamo di Gluten-free?

Sono una persona molto fortunata. Non ho mai avuto allergie o intolleranze di alcun genere e sono circondata da persone che, come me, non hanno problemi, almeno con il cibo. 
In famiglia solo una persona ha una lieve intolleranza al lattosio, ma non va a incidere particolarmente sulle abitudini alimentari. 
Ci sono casi in cui, invece, le allergie o intolleranze sono molto più complesse da gestire e vanno a influire in maniera seria sull'alimentazione e sullo stile di vita.
La Celiachia è uno di questi casi, come anche la sensibilità al glutine. 


Ma sapete che differenza c'è tra queste patologie? Io sinceramente non sapevo neanche esistessero patologie differenti riguardanti il glutine. 

Qualche giorno fa, Letizia Saturni, specialista in scienze dell’alimentazione e blogger, ci ha spiegato la differenza durante un utilissimo corso realizzato insieme allo chef esperto in cucina senza glutine Diego Bongiovanni, alla coordinatrice, esperta di panificazione e blogger Paola Sucato e lo staff di Quaderni e Fornelli, location in cui si è tenuto l'evento.

Per quanto riguarda la parte "tecnica" vi rimando al sito della DS-Gluten Free, organizzatrice della giornata in cui potete trovare spiegazioni veramente utilissime e dettagliate.   
Ad esempio, sapete davvero cos'è la Celiachia? Qui trovate tutto ciò che è necessario sapere!

Io invece vi parlo della difficoltà di cucinare senza glutine! 
A parte l'utilizzo di cereali senza glutine, pasta realizzata con cereali diversi dal grano, la cosa che ho trovato davvero difficile è ottenere prodotti che normalmente si realizzano con la farina di grano, come il pane ad esempio. 


Tutte le regole per me fondamentali per realizzare un buon pane sono state sconvolte nel giro di 5 minuti. 
Poco lievito, lunghe lievitazione, il sale non a contatto con il lievito. Nulla di tutto questo è valido con la farina senza glutine. 500 g di farina e 25 g di lievito di birra per una lievitazione che in totale sarà stata di circa un'ora. Ero veramente sconvolta, pensavo che avrei digerito quel pane dopo 2 giorni....e invece, nessun segno! Nessun problema e un pane ottimo che non sapeva minimamente di lievito! 

Oltre al pane abbiamo anche preparato degli ottimi gnocchi e anche i ravioli: devo ammetterlo, su questi ultimi ho avuto serie difficoltà a stendere l'impasto, formarli e chiuderli senza rompere la sfoglia! 

Infine, per non farci mancare proprio nulla è stato il momento del dessert: una deliziosa torta di mele realizzata con la sfoglia DS-Gluten Free... un dolce realizzato in 5 minuti e sparito in altrettanto tempo!!!

Una giornata che ha avuto veramente tutto: informazione, divertimento, gusto e buona compagnia! 
Si vede no??? 








14 commenti:

  1. dev'essere stato un evento fighissimo!

    RispondiElimina
  2. Tery, hai ragione sei fortunata ed io fortunata a seguirti :-) Anche a me piace essere informata e cucino spesso senza glutine anche non essendo celiaca, bella la foto, mette allegria, ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Libera tu sei bravissima con le ricette senza glutine!!
      Grazie mille!! :***

      Elimina
  3. Ciao Tery!!! Eh si, lavorare le farine senza glutine non è per niente semplice! In realtà sono sempre stata un po' scettica sull'uso dei preparati dietetici senza glutine, ma mi sono dovuta ricredere: per pane e pasta sono indispensabili!
    Grazie per questo post, perché hai trasmesso a tutti ciò che per noi celiache è una "battaglia" che viviamo ogni giorno, quella con queste accipicchia di farine senza glutine! Ma la vinciamo spesso, sai :)?!?!
    Ti abbraccio forte!
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo mondo è davvero complesso e pieno di ostacoli ed è bene che ci siano le giuste informazioni!
      Sono sicura che le vinciate spesso, anzi...quasi sempre immagino!
      un abbraccio!

      Elimina
    2. Dopo qualche tentativo fallito, si conosce il nemico e non ci si fa più fregare :)!!!
      Ma è importantissimo che persone normali come te diano importanza a un problema che non è da sottovalutare assolutamente per chi deve conviverci!!! Grazie per questo post e un abbraccio fortissimo!
      P.s. Ora che sono milanese anche io magari avremo occasione di conoscerci di persona :)!!! Sarebbe proprio bello :)!!!

      Elimina
    3. Dai che bello! Allora dobbiamo assolutamente conoscerci!! :-)))

      Elimina
    4. Super volentieri :)!!! A presto allora...e di persona :)! Che bello!
      Un abbraccio Tery!

      Elimina
  4. Anch'io mi sento molto fortunata come te da questo punto di vista. Convivere con la celiachia non è affatto facile, soprattutto quando si è fuori casa e ammiro profondamente chi, con le farine gluten free, riesce a produrre lievitati da far invidia ai fratelli glutinosi Mi piacerebbe scoprirne di più. Un abbraccio e grazie ancora per gli auguri. Buon fine settimana ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu come Libera sei veramente bravissima con il gluten free e questa è già una cosa bellissima per chi non ha problemi!
      Un abbraccio grande e spero che il compleanno sia andato benissimo!!!

      Elimina
  5. ho provato i prodotti della DS e devo ammettere che sono veramente speciali e molto buoni. Bel post
    cioa cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai ragione! Io non avevo mai provato nessun prodotto gluten free per cui è stata una doppia scoperta!

      Elimina
  6. L'iniziativa è stata sicuramente pregevole (era presente lì con voi per il nostro blog "Un cuore di farina senza glutine" la mia socia Emanuela) soprattutto per la diffusione della conoscenza della celiachia tra chi non è celiaco. E' molto importante per Noi celiaci che finalmente ci si accorga della nostra esistenza e soprattutto delle nostre difficoltà.
    Su una cosa sola non sono d'accordo: alle farine senza glutine si possono applicare tranquillamente tutte le tecniche panificatorie conosciute. Poco lievito, lievitazioni lunghissime addirittura con solo 1 g di lievito, biga, poolish e pure lievito madre senza glutine sperimentato per la prima volta da me nel 2008, sale assolutamente lontano dal lievito come sempre è stato ;) Basta scegliere le farine senza glutine giuste (tutte facilissime da acquistare) e dosare bene l'acqua, visto che ce ne vuole di più. Per il resto si panifica che è una meraviglia!

    Grazie per questo post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Felix, è importante che si parli del problema per offrire il giusto supporto e i giusti servizi, e anche per avere consapevolezza di un problema che tutti possiamo avere!
      Grazie mille per quello che mi dici!! Ero rimasta traumatizzata dall'uso di 50 gr di lievito per neanche un chilo di farina e il tuo punto di vista è molto rassicurante!

      Elimina

Related Posts with Thumbnails