martedì 17 aprile 2012

Alla scoperta della pasta matta

...Ma perché poi sarà matta? Pochi ingredienti, rende alla perfezione, rapida da realizzare e gustosa. Non mi sembra poi tanto matta, anzi, credo sia piuttosto intelligente!
Lo so, adesso penserete che la matta sia io a fare pensieri di questo tipo, ma non viene spontaneo chiedersi il perché di questo nome?



Per fortuna Milena con la sua precisione ha anche fornito una spiegazione:
"Si chiama matta non perché sia capace di qualche pazzia, ma per la semplicità colla quale si presta a far la parte di stival che manca in diversi piatti, come vedrete". Così l'Artusi presenta questo semplice impasto di acqua e farina che è leggera non contenendo nessun grasso, per cui le torte salate fatte con questa base risultano molto digeribili e con meno calorie rispetto alla sfoglia o alla pasta briseè." 
Nomi a parte, da tempo ho visto questa pasta da Milena e da subito ho voluto provarla. Che poi siano passati anni come il mio solito è un'altra questione....
Alla fine però eccomi qui, soddisfatta dell'esperimento: leggero, facile e gustoso. 
Da farcire con qualunque cosa vi passi per la testa. 
Io sono rimasta sul leggero pensando ad un ripieno di verdura e formaggio light della Mauri. Uno sfizioso entrée anche per chi non vuole eccedere con i grassi! Che ne pensate? 

Crostatine con pasta matta formaggio di capra e carciofi


Ingredienti per 4 crostatine:
Pasta matta: (ricetta di Milena qui)
200 g farina 00
2 cucchiai olio evo
90 g acqua 
sale



Ripieno: 
2 carciofi
1 spicchio d'aglio
1 filo d'olio
Sale e pepe nero
Mezzo bicchiere di vino bianco
1 rametto di prezzemolo
2 Caprini di mucca Mauri
Latte qb
Parmigiano grattugiato, 2 cucchiai
Pepe nero




Procedimento: 
Per la pasta matta: impastare la farina con l’acqua, il sale e l’olio, ottenendo una pasta soda ma elastica. Avvolgerla in pellicola e farla riposare almeno mezz'ora prima di utilizzare. 

Mondate i carciofi e divideteli a metà, lasciando una parte di gambo. 
In una padella fate soffriggere l'aglio in un filo d'olio, poi aggiungete le 4 metà di carciofi e fate rosolare, sfumate con vino bianco, unite un filo d'acqua, il rametto di prezzemolo e fate cuocere per qualche minuto. 
Intanto stendete la pasta matta e rivestite 4 cocottine imburrate. 

Stemperate i 2 caprini con il latte, unite il parmigiano, amalgamate fino ad ottenere una crema. 
Posizionate i carciofi sopra la pasta matta, versarvi sopra la crema al formaggio e passare in forno caldo a 190° per 20-25 minuti, finché la pasta non sarà cotta e il formaggio dorato. 

English Version -  Artichokes tarts

Ingredients: 
For Pastry: 
200 g flour 00
2 tablespoons of extra virgin olive oil
90 g water
salt

For filling:

2 artichokes
1 clove of garlic
1 drop of oil
Salt and black pepper
Half a glass of white wine
1 sprig of parsley
2 fresh cheese
Milk to taste
Parmesan cheese, 2 tablespoons



Direction: 

For pastry: mix the flour with water, salt and oil, until dough is firm and elasticWrap in plastic film and let rest at least half an hour before using.



Peel the artichokes and divide in half, leaving a part of the stem.
In a skillet, saute the garlic in a little oilthen add half of the 4 artichokes and brownadd white wine, add a drop of water, a sprig of parsley and cook for a few minutes.
Meanwhile, roll out the dough and coated 4 little baking pan buttered.

Dissolve the fresh cheese with milkadd the Parmesan and stir until creamy.
Place the artichokes over the doughpour over the cream cheese and bake in preheated oven at 190 °C for 20-25 minutesuntil the dough is cooked and the cheese golden.

24 commenti:

  1. mi sono fermata alle foto e a rapida da realizzare :)

    RispondiElimina
  2. io adoro la pasta matta, veloce, di facile realizzazione , versatile...insomma proprio una bella invenzione! E mi piace anche molto il tuo ripieno, primaverile, fresco, leggero...stamattina mi sono svegliata piena di aggettivi! :)

    RispondiElimina
  3. Ppasta matta? Matti a non provarla! Specie in una versione così appetitosa ^_^ Bacioni, buona giornata

    RispondiElimina
  4. La pasta matta la preparo spesso anche io e anche nel mio caso avevo preso il prezioso spunto da Milena. Considerata la leggerezza di questa pasta, qualche volta si può esagerare anche con il ripieno...Tu invece sei stata brava a creare un ripieno goloso ma leggero! Un bacione

    RispondiElimina
  5. Gnammy!Che crostatine promaverili, leggere e gustose!Mi piacciono da morire, come mi piace la pasta matta, la faccio spesso proprio per il suo essere così versatile!Un bacione friend :*

    RispondiElimina
  6. ciao, la tua ricetta è davvero deliziosa. Non ho mai fatto la pasta matta ma adesso proverò senz'altro. Volevo dirti che anche la tua rubrica su "Gli introvabili" è molto carina e di grande utilità. Colgo l'occasione per invitarti a partecipare ad un contest che ho da poco organizzato. Se ti va di partecipare, ti lascio il link:http://incucinaconroberta.blogspot.com/2012/04/stile-in-tavola-un-contest-tutto-da.html
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Roberta, sei gentilissima! Vengo subito a curiosare da te! :-)

      Elimina
  7. Ho provato anche io questa pasta e devo dire che matto è chi non la prova ;-) hai ragione è furbissima e basta un ripieno goloso come questo per conquistare tutti!

    RispondiElimina
  8. La pasta matta è super versatile e facile da fare e queste crostatine sfiziose sono un piatto unico che a quest'ora mi fa gola!

    RispondiElimina
  9. è fantastica e ho giusto qualche carciofo in dispensa che chiede di essere usato!!
    un abbraccio mia cara!

    RispondiElimina
  10. La faccio spesso amche io e trovo che sia molto versatile, gustosa e anche veloce da preparare. La preferisco alla sfoglia.

    RispondiElimina
  11. chissà perché matta e non 'semplice' o 'versatile'...alla fine poco importa l'importante è il risultato, no? molto goloso il tuo ripieno :-)
    Claudia

    RispondiElimina
  12. Il ripeno cremoso al formaggio con un cuore croccante di carciofo deve essere poesia x il palato! :)
    (non sapevo si chimasse pasta matta :D)
    Parteciperai al ns contest, vero?: http://alcuoco.blogspot.it/2012/04/contest-5-solo-5-festeggiamo-con.html
    Ci farebbe molto picere :))
    ciao!

    RispondiElimina
  13. Lo sai che non l'ho mai provata eppure la trovo geniale questa pasta matta. Grazie per il chiarimento sul nome e complimenti per l'idea del ripieno gustosissimo

    RispondiElimina
  14. Assolutamente da provare.. anzitutto la pasta matta, e il ripieno... pure :D

    RispondiElimina
  15. Lo sai che amo i carciofi, quindi non stenterai a credere che queste crostatine sono nella mie corde ....
    Grazie per la citazione :D

    RispondiElimina
  16. Ricordo una trattoria a Muggia (TS) che usava la pasta matta per fare un indimenticato strudel, la sfoglia era grande come la tavola e veniva "tirata" da più persone per renderla quasi trasparente, splendida.
    Questo ripieno mi fa diventare proprio "matta" ;-), un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà che bello veder stendere una sfoglia enorme!!

      Elimina
  17. Ma pensa te... ma io la faccio spessissimo la pasta matta! (non mi piacciono le frolle "unte") e neanche lo sapevo!!!

    RispondiElimina
  18. Non la conoscevo, grazie per avermi fatto scoprire una cosa nuova. Buona giornata

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails