martedì 29 novembre 2011

Ravioli di patate e prosciutto cotto con ragù bianco di noci e nocciole

Si avvicina il Natale e anche se tradizionalmente i primi pensieri dovrebbero avere inizio con la festa dell'Immacolata, ormai tutti siamo già con la testa rivolta alle festività natalizie. Cosa prepareremo per la Vigilia? E al pranzo di Natale? E poi caspita...Capodanno?
Inutile dire che la magia del Natale ovviamente mi ha già travolto: la mia testa ormai lavora in funzione del 24-25 dicembre, ma chevidevodì, è una malattia incurabile, la Natalite acuta, ma come si può dire di no?
Calore, pensieri positivi, luci colorate,  riunioni di famiglia, delizie in tutte le case, pacchetti colorati sotto l'albero... dovrebbe essere sempre Natale :-)


venerdì 25 novembre 2011

Fidelin di grano saraceno con cavolfiore al profumo di limone e piccola novità

Non sapevo dell'esistenza del grano saraceno prima di arrivare a Milano. Poi, una volta conosciuta, mi sono chiesta perché le enormi capacità di esportazione che spostano prodotti da qualunque parte del mondo non fosse arrivata a portare una farina semplicemente in un'altra parte della stessa nazione. Cioè, posso avere i kiwi neozelandesi ma non il grano saraceno valtellinese a Crotone?!
Figuriamoci poi un prodotto lavorato come i pizzoccheri (la pasta)....


mercoledì 23 novembre 2011

Focaccia alle castagne

E' autunno, ve l'avevo già fatto notare, vero???? 
In questi giorni per me la coccola più bella sarebbe mettermi davanti al camino mangiando caldarroste e bevendo un buon bicchiere di vino rosso. 
Ma il camino non c'è, quindi mi accontento di caldarroste e vino rosso con una copertina sulle gambe e, per consolarmi degnamente, oltre alle caldarroste ho pensato bene di farmi una bella dose di carboidrati e lipidi, sempre di stagione of course, che aiutano sempre a migliorare l'umore! 
Quindi cosa ho fatto? Una bella focaccia alle castagne profumata di rosmarino e con una dose di lardo di Colonnata a sciogliersi sulla superficie. 
Vi assicuro che la cosa ha un non-so-che di godurioso e molto coccola....altro che vellutatina calda e leggera! :-)


lunedì 21 novembre 2011

Choco-lemon layer cake

Vi avevo parlato qualche giorno fa della torta realizzata per il compleanno di un amico e, finalmente, è arrivato il momento di presentarvela. Vado molto rapida questa mattina e spiego rapidamente le scelte effettuate per la realizzazione di questa torta. 
E' una torta al cioccolato a strati in cui il pan di spagna al cacao si alterna ad una delicata crema chantilly al limone. 
Ho realizzato un pan di spagna con molte uova, nonostante la teglia piccola, per ottenere un risultato più alto e poterlo dividere in 3 strati. Per ogni uovo ho utilizzato 35 gr di farina, ottenendo un pan di spagna di media consistenza, ideale per reggere una crema non troppo pesante. 
La ricetta della chantilly è di Montersino: io ho solo aumentato un po' la dose di limone nella crema per ottenere un profumo di limone più intenso. 
Per le decorazioni sberluccicose invece mi sono ispirata a lei :-)
Il risultato? Io ne sono rimasta molto soddisfatta e a quanto pare anche gli ospiti! :-)

martedì 15 novembre 2011

All'insegna dell'autunno

Il cambio di stagione porta inevitabilmente a cambiare completamente l'alimentazione estiva e ad adeguarsi alle temperature e ai prodotti che la natura ci regala. Cosa scontata no? Il fatto è che, per me, diventa quasi una necessità coccolarmi con castagne, mele, zucca, funghi... cambiata la stagione è come se cambiasse completamente anche il mio gusto e le mie esigenze. Se d'estate infatti non vivrei senza pomodori, a novembre l'idea di un'insalata che amo tanto mi fa quasi rabbrividire: molto meglio un crostino di pane caldo con prodotti di stagione.

Vi piace il mio modello che si presta per le mie foto? :-)

lunedì 14 novembre 2011

Finger-baccalà alla livornese

Il mese scorso sono riuscita a perdermi l'MT Challange con grande dispiacere mio e anche del consorte che si è vista sfumare l'idea del profiteroles sotto il naso....ma quando gli impegni chiamano, purtroppo a qualcosa bisogna rinunciare. Sigh, sob! 
Questo mese però mi sono impegnata per riuscire a partecipare, visto anche il minor impegno in termini di tempo richiesto dalla sfida, e anche per riuscire a pubblicare prima possibile: per la serie, sia mai che rischio di perderlo ancora! 

venerdì 11 novembre 2011

Il fuori Wine Festival

Ma sapete cosa? Il Wine Festival è stata l'occasione per conoscere tutto ciò che c'era dentro, tra le mura del festival, ma anche tutto ciò che c'era fuori dall'evento.
Ristoranti e chef d'eccellenza del luogo, produttori simpaticissimi :-) e anche qualcosa che veniva da più lontano, l'Istria.

Come già dicevo dicevo ieri, il Wine Festival non è stata solo impegni ed eventi, è stata anche persone, tante persone appassionate di cucina, gastronomia, vini. Ci siamo trovati lì e abbiamo avuto modo di conoscerci ed è stato stupendo.
Raccontare tutto è dura, ma ci provo aiutandomi con qualche foto.

Già la prima serata a Merano, Carlo ha pensato bene di farci abituare alle coccole della città e ci ha portato in uno splendido ristorante all'interno del Castel FragsBurg della catena Relais&Chateux.
Il ristorante, guidato dal giovanissimo chef Luis Haller, può vantare una stella Michelin e la presenza sulle guide della Gault Millau e Veronelli. 
La location è perfetta: elegante, calda, delicata. In perfetto stile di montagna, ma sobrio e accogliente. 
Il menù è stato pensato apposta per noi, dato la presenza di una vegetariana tra noi e non solo, lo chef ha deciso di coccolarci facendoci assaggiare una serie di portate veramente eccezionali, non previste dal menù, lasciandoci a bocca aperta ad ogni boccone.  


Ma non solo cibo: con noi a tavola c'era Teresa Severini Zaganelli, rappresentante della intera famiglia Lungarotti. Teresa ci ha portato i suoi eccellenti vini e ce li ha raccontati con passione, allegria e dolcezza. 
E' bello il modo in cui vive il vino, senza fronzoli, senza termini arzigogolati e incomprensibili. Per lei il vino è buono se piace. Non c'è altro. 


Per questo nella sua carriera ha anche creato dei vini che siano non solo buoni, ma anche facili, che consentano ai palati più acerbi di avvicinarsi al vino in maniera semplice. 
Proprio per questo Teresa ha scritto anche un libro, "L'uva nel bicchiere": portare i giovani, ma anche chi non beve normalmente vino, a provare, ad assaggiare a formare il proprio palato al vino. Questo senza dover per forza fare una carriera da sommelier, ma semplicemente per il piacere di bere un buon vino. 

DSC_4070.jpg

Durante la serata sono emersi temi importanti come il crescente veto all'alcool, il pericolo dei superalcolici e il fatto che il vino non sia solamente alcol, ma principalmente un fatto culturale, una storia, uno studio. Su questo ci credo tantissimo.

La sera dopo è stata la volta dell'Istria. A due passi dall'Italia, spesso dimentichiamo di avere un paradiso: non solo di bellezza naturale, ma anche di notevole interesse gastronomico. 
La serata è stata tutta a base di ingredienti istriani, compreso l'olio e il vino: una vera scoperta! 
Gli chef della serata, Tom Gretic & Priska Thuring, ci hanno accompagnato in una degustazione a base di carne e pesce eccellente. 
Io vi mostro qualche foto....però a voi il compito di andare direttamente sul posto a provare! 

DSC_4037.jpg

Anche se non fuori l'evento, ma tra i suoi corridoi, è stato bello ritrovare alcuni amici, come ad esempio Ceraudo, di cui vi avevo parlato qui

DSC_4014.jpg

E conoscerne di nuovi.... come Dario Loison, una persona solare, simpaticissima e disponibile che ci ha fatto compagna sul palco di Culinaria, ma anche fuori. 


DSC_4000.jpg

Ci ha raccontato la storia di Loison, le sue avventure per rendere la Loison quello che è adesso e ci ha regalato un bellissimo soldino, il "soldino del pane", soprannominato soldino dell'amore visto dato il cuore che lo caratterizza. Questi soldini in passato venivano utilizzati dai fornai per ottenere farina senza dover metter mano al portafoglio e ora Loison li porta alla memoria come uno splendido fermafiocco, che per me è già diventato un dolce ciondolo e simbolo di una bella giornata tra amici, passione e affetti. 

DSC_4007.jpg



Mi fermo qui, non vado oltre, questo soldino credo sia un ottimo modo per concludere i racconti di queste due giornate intense e ricche.
E con questo soldino vi auguro un buon week end altrettanto pieno di passione e affetto :-)


giovedì 10 novembre 2011

Presentare, io? Per il Merano Wine Festival tutto è possibile

Vi avevo già accennato di alcune cose che avrei dovuto raccontarvi, soprattutto riguardo ad un evento in particolare, il  Merano Wine Festival e sappiate che è arrivato il momento e, con probabilità, sarò moooolto lunga nel descrivere questi 2 giorni! 
Io ho la capacità di sintesi, sono estremamente convinta di questo, ma, quando capita qualcosa che mi lascia l'adrenalina addosso anche a distanza di giorni, tanti ricordi e i volti di persone straordinarie, allora il rischio è che i miei racconti vadano un po' per le lunghe....avete pazienza per oggi? ....e anche domani?



martedì 8 novembre 2011

Chocolate-Pumpkin pie

Ho da raccontarvi tante, ma proprio tante cose, soprattutto dell'ultimo week end trascorso al Merano Wine Festival, ma con tutti gli impegni lasciati in arretrato purtroppo non riesco ad arrivare oggi. 
Approfitto però per parlarvi di questa torta che ho preparato un paio di settimane fa che è perfettamente in linea con il periodo "zuccoso" che monopolizza le nostre cucine....perchè non sono io l'unica zucca-dipendente, vero?????? 
L'ispirazione per questa deliziosissima pumpkin pie è arrivata da Cey. Quando ho letto su facebook che era in cucina alle prese con la torta di zucca, mi sono subito messa in allerta per la ricetta e, non appena l'ha pubblicata, mi sono messa all'opera.
In realtà ho modificato molte cose rispetto alla sua ricetta: per la frolla ho usato una base già provata diverse volte (di Gaia) e per il ripieno ho dovuto variare dato l'assenza di panna in casa e sopratutto nessuna voglia di uscire per comperarla! 


giovedì 3 novembre 2011

Finalmente il forno a legna

So che con probabilità mi avete dato per dispersa questa settimana, ma la fuga in campagna è stata lunga e come al solito lontana da cellulari, computer, internet, email... in assoluto questo luogo riesce a farmi allontanare dalle dipendenze dal web che influenzano completamente la mia vita e riesce a farmi recuperare appieno le forze per ricominciare. Che abbia qualche proprietà magica? Ogni tanto me lo chiedo :-) 

Related Posts with Thumbnails