martedì 13 dicembre 2011

I Crustoli di Natale

Scrivo questo post un po' di fretta, ma ci tenevo a non far passare inosservato questo giorno.
Arrivo con una ricetta di Natale tipica della mia terra, ma poco importa dato che la Calabria è tanto legata anche a Santa Lucia. 
Il 13 dicembre infatti è proprio il giorno di Santa Lucia e per me, per tutta la Calabria e forse per gran parte d'Italia, vuol dire tante cose.



A Crotone la spiaggia si riempie di enormi falò per ricordare la Santa della luce. E' uno spettacolo da dare i brividi, da mettere allegria e io ogni anno penso a quella tradizione che ormai perdo dagli 8 anni che vivo a Milano. 
Lucia, poi, era anche la mia nonnina, anzi, Luce Venere lei, a sottolineare ancora di più l'importanza della luce.  La nonna delle polpette al sugo, delle patitine fritte o della pastina per merenda, delle lunghe mattinate la cimitero o del cestino calato dal balcone per avere i gelati dal bar.
Va bè, che la nonna è sempre la nonna si sa! :-)

Ma oggi c'è anche un altro motivo per ricordare Santa Lucia, purtroppo non un buon motivo.
Nonostante tutti gli sforzi delle famiglie per sostenere la Fondazione Santa Lucia, arriviamo alla fine di quest'anno con una notizia sconfortante: il Santa Lucia chiude.
Oggi quindi vorrei lanciare un ultimo appello, sperando che una luce si accenda davvero per questo istituto, per tutte le famiglie che vi trovano supporto e per quegli ammalati a cui il Santa Lucia ha dato cure e speranze.

Per tutti i dettagli vi rimando da lei, che la battaglia la sta portando avanti con enorme forza.


E ora passiamo alla ricetta. I crustoli sono un dolce di Natale tipico di Crotone. Vengono realizzati con semola di grano duro e olio evo presenti nella zona in grandi quantità e di ottima qualità.
La semola del territorio è ottenuta ancora da un grano antico, macinata a pietra e venduta solamente nel territorio.
L'olio, di eccellente qualità, è tipico della provincia (facile notarlo quando si arriva in zona data la presenza di uliveti a perdita d'occhio). E' un olio tanto puro da avere molto spesso nessuna forma di acidità. Insomma, se siete in zona....provatelo!
Idem per il Vino rosso! A pochi chilometri da Crotone c'è Cirò.... forse non c'è bisogno neanche di parlarne!
Ecco che questo dolce prende proprio i connotati del territorio e senza il loro profumo che inebria la casa non si può dire che sia Natale!
Tradizionalmente i crustoli vengono passati nel miele, molto probabilmente a causa della reperibilità, ma i nonni erano soliti bagnarli con il vino cotto. Il mio ragazzo, milanese doc, non desidera altro che questo quando li preparo: crustoli con vino cotto! 

Ingredienti per 10-12 persone:
1 kg di semola di grano duro
1 tazza di vino rosso
1 tazza di acqua
2 tazze di olio
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 pizzico di sale
Olio per friggere
Miele o vino cotto in abbondanza per la copertura

Procedimento: 
In una ciotola unire la semola, le spezie e il sale. 
In una pentola scaldare i liquidi insieme finché non diventano "grumosi" (non devono arrivare ad ebollizione). 
Unire i liquidi alla farina ed impastare. L'impasto deve risultare sodo, ma morbido. 
A questo punto formare degli gnocchi, formando prima dei serpentelli di pasta, tagliandola a pezzetti e poi passando la pasta sul rigagnocchi. 

Scaldare abbondante olio per friggere e, quando l'olio è pronto, cuocere i crustoli finché non diventano rossi. 
Scolarli e porli in una ciotola senza carta assorbente. Lasciarli raffreddare completamente. 

Quando freddi, scaldare abbondante miele o vino cotto in una pentola e versarvi un po' alla volta i crustoli, ricoprirle bene di miele o di vino cotto, a seconda di ciò che preferite. Et voilà! 
I crustoli in questo modo si conservano per moltissimo tempo. 

English Version -  Crustoli (Christmas sweet typical of South Italy)

Ingredients: 

1 kg of durum wheat

1 cup of red wine

1 cup of water
2 cups of olive oil
1 / 2 teaspoon of clove powder
1 teaspoon ground cinnamon
1 pinch of salt
Oil for frying
Honey or mulled wine in abundance to cover


Direction: 

In a bowl combine the flour, spices and salt.

In a saucepan heat the liquid together until they become "lumpy" (should not come to a boil).

Combine the flour and mix the liquidsThe dough should be firm, but soft.
At this point, to form the dumplings, forming snakes of dough at firstcutting it into pieces and then passing the dough on a fork.



Heat plenty of oil for frying, and when the oil is readycook until crustoli turn red.

Drain and place in a bowl without a paper towelLet them cool completely.


When crustoli are cold, warm honey or mulled wine in a saucepan and pour in a little crustoli at a time, cover well with honey or mulled winedepending on what you prefer. Et voila!

The crustoli in this way will keep for a very long time.

21 commenti:

  1. hai davvero ragione, non sapevo del Santa Lucia. e non conoscevo questi splendidi dolcetti

    RispondiElimina
  2. Spero tanto che la vicenda del S. Lucia arrivi ad un lieto fine. Ma stavolta stabile e duraturo.
    Se poi arrivasse a lieto fine anche la mia caccia al vino cotto...sarei doppiamente contenta :) Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  3. buoniii .. qui per oggi si fa la Cuccia dolce o salata (Sicilia) però qualche sera fa ho fatto le cartellate che sono quasi uguali ai tuoi gnocchi , semplicemente hanno forma diversa... buonissimiiii

    RispondiElimina
  4. quelli di ieri sera!!!!!!!!!!!!! noi li abbiamo assaggiati, fidatevi dell'autrice! bravissima :)))
    giorno tery

    RispondiElimina
  5. Non sai come sono triste per questa storia dell'istituto... avevo aderito a suo tempo alla raccolta di ricette per i bimbi, ora provvederò a pubblicare qualcosa nella speranza che serva a mantenere in vita questa struttura di cui si ha tanto bisogno....
    Complimenti per il tuo dolce tipico, dev'essere davvero squisito!!
    Franci

    RispondiElimina
  6. I crustoli proprio non li conoscevo... che bella ricetta tradizionale!

    Mi spiace moltissimo per il Santa Lucia.. spero che la speranza per queste famiglie non si spenga..

    RispondiElimina
  7. Nella mia famiglia santa lucia e' importante, anche se siamo del centro :)
    I tuoi dolcetti sono fantastici!
    Mi piacerebbe vedere i vostri falo' !!!!

    RispondiElimina
  8. Adoro i crustoli!!!!Li facevamo con la mia mamma e le vicine di casa.....e il palazzo odorava di crustoli fino a febbraio!!!!!!!!INIMITABILI!!!!!Quest anno li farò!!AUGURI A TUTTI!!!

    RispondiElimina
  9. nella mia cosenza si chiamano "turdilli"

    RispondiElimina
  10. Un dolce incantevole, pieno di sapore per una buona causa! Accendo anch'io una luce con te

    RispondiElimina
  11. Sai che prima di leggere il post avevo pensato che fossero degli gnocchi? non avevo mai sentito parlare di questi crustoli. Dalla ricetta direi che devono essere proprio molto golosi :)

    RispondiElimina
  12. Belli e buoni questi simil gnocchi fritti che sanno di origini, tradizioni e affetti familiari! Immagino anche che sarà difficile fermarsi una volta che si passa all'assaggio! E mi hai incuriosita sull'olio calabro...Un bacione

    RispondiElimina
  13. Ciao cara!!!!
    Ti aspetto sul mio blog...èappena partito un GIVEWAY imperdibile: in palio una fantastica pochette a forma di busta!!!
    TI ASPETTO!!!!

    http://thechicetoile.blogspot.com/2011/12/1-giveway-chic-etoile.html

    XOXOXO

    RispondiElimina
  14. Ciao Tery, io, purtroppo a letto con la febbre non ho potuto "onorare" come ogni anno questa ricorrenza ma mi gusto il tuo post, questi gnocchi e le vostre tradizioni per questo giorno, un abbraccio.

    RispondiElimina
  15. cara tery!inutile dirti k mentre raccontavi le nostre tradizioni, k io ben conosco,mi hai fatto commuovere e mi si e' stretto il cuore!soprattutto il racconto dettagliato che hai fatto della tua nonna!mi e' sembrato di viverlo veramente!e poi si, i nostri fuochi di Santa Luciasono uno spettacolo che, x k nn li ha mai visti accesi, e soprattutto nn li ha mai visti fare, difficilmente potranno capire!Mi ricordo ancora da piccola, quando bambini in massa, andavamo a cercare in giro delle tavole da legna x poter costruire questo fuoco!E piu' il fuoco era alto, e piu' prestigioso era!K felicita' vedere il falo' man mano aumentare d'intensita'......e la trepidante attesa delle ultime tavole k a forma di piramide bruciavano e cadevano di botto!E dopo mettevamo tra le ceneri ancora calde, delle patate da cuocere e mangiare tt insieme per festeggiare Santa Lucia!k emozioneeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!grazie tery, x avermi fatto rivivere questi stupendi ricordi!
    Anto

    RispondiElimina
  16. Quante emozioni e ricordi in una ricetta così semplice, ma fatta con ingredienti genuini :D
    Un tempo da noi si preparavano nel periodo di Natale per regalarli a parenti e amici, ma anche durante il resto dell'anno per le feste importanti come i matrimoni :D

    RispondiElimina
  17. Che bella ricettina!
    Mami e papi si metteranno alla prova con la cucina calabrese? Speriamo!! =)
    Bau bau!

    Mirty

    RispondiElimina
  18. Spero tanto che il Santa Lucia possa farcela....sarebbe davvero un bel regalo di Natale, ormai anche per noi foodblogger! :)

    Libera, ti mando un abbraccio forte forte!

    Antonella, con i tuoi ricordi mi hai fatto emozionare, quanto mi piacerebbe ritornare lì e riprovare la sensazione di quei giorni...!

    Milena, anche ai matrimoni? Quante poche cose so delle nostre tradizioni!

    Mirty, sono sicura che mamma e papà si metterano all'opera anche su questo! Tu però attenta al peperoncino! ;)

    RispondiElimina
  19. I was suggеsted thіs web site by my cousin.
    I'm not sure whether this post is written by him as no one else know such detailed about my trouble. You'ге incrediblе!

    Τhanks!

    Here is mу ωeb blοg ... tens units

    RispondiElimina
  20. I ωas suggested this web sіte
    bу my couѕin. І'm not sure whether this post is written by him as no one else know such detailed about my trouble. You're incredible!
    Thankѕ!

    Visіt mу web blog; tens units
    My website - tens

    RispondiElimina
  21. Ciao, davvero una bella ricetta. Io la conoscevo senza la canella e i chiodi di garofano. Mangiavo I crustoli (40 anni fa) fatti da una mia zia che da Gagliano CZ era andata ad abitare a Isola Caporizzuto dopo il suo matrimonio, forse aveva imparato la ricetta da quelle parti. Ricordo pero' che li chiamava strozza preti in calabrese "srangudda previti" non so se l'ho scritto bene. Mia figlia mi ha chiesto di fare questo dolce, li avovo fatti per la prima volta qualche anno fa e gli sono piaciuti davvero tanto. Io vivo a new York non sapevo dei falo' di Santa Lucia ma facevamo il falo a Gagliano CZ la sera della vigilia di Natale. garzie della ricetta la provero' a farli e viva le nonne.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails