mercoledì 26 ottobre 2011

Eurochocolate 2.0 e le praline calabresi di un toscano doc

Quest'anno Eurochocolate ha preso un po' la mia vita dell'ultimo periodo. Prima Riva del Garda, poi qualche articolo nel web fino ad arrivare all'evento clou e sbarcare in una Perugia invasa da cioccolato e da gente ovviamente golosa.

Eurochocolate


Ma volete sapere la realtà? 
Dopo poche ore tra gli stand, la bramosia di cioccolato si trasforma in rifiuto. Si fa spazio un enorme desiderio di qualsiasi cosa salata possa esistere al mondo. Uccidereste per una pizza, un piatto di pasta, anche un panino del Mc. 
Quindi, per il prossimo anno, abbuffatevi di cioccolato per le prime 3 ore in città, ma portate in borsa un bel panino con la mortazza che vi sarà molto utile allo scoccare della quarta ora! :PPP

Ma torniamo al cioccolato che - a parte questi rari, rarisssssimi casi - è uno degli alimenti più desiderati al mondo. Sfido qualunque donna in fase ormonale a vivere senza!
Ad esempio, Saretta ed io, non contente della supercolazione....alle 11 ci siam fatte fuori anche un piatto di churros coperti di cioccolato!

Churros

Arrivata a Perugia, ho trovato, indovinate chi? Beh, l'ho appena detto :PPP Saretta !Ormai mia compagna di avventure e di piccole fughe ci ritroviamo spesso per meno di 24 ore in giro per l'Italia!
Sara, in particolar modo, ha dei bei record in fatto di toccate e fughe... ogni volta,  però, nonostante il tempo tiranno non sia dalla nostra parte, riusciamo a fare in pochissime ore ciò che normalmente si farebbe in diversi giorni, parlare a non finire e scoprire luoghi spesso mai visti prima, e ormai è proprio come se ci conoscessimo da vita!

Saretta


Arrivate in hotel alle 9 di sera, potete immaginare quale sia stata la nostra prima mossa: avventarci sui cioccolatini della hall!

Così Eurochocolate è stato da subito il nostro parco del divertimento, in cui lasciarsi andare alle prerogative di dieta. Il pensiero era solo uno: cioccolato!
E non potete immaginare che cosa era la colazione al mattino dopo... la colazione è stato solo l'inizio di una giornata in cui ogni cosa si tramutava in cioccolato.
Il centro di Perugia era un enorme supermercato dedicato unicamente al cioccolato. Pochi erano gli stand che si occupavano di altro. Si può dire che ogni senso era coinvolto nella degustazione.

Eurochocolate

A parte qualcuno che provava a vendere altro....

Caldarroste


Dopo un giro per la città, finalmente è arrivato il momento tanto atteso: lo showcooking con il bravissimo cioccolatiere Simone De Castro!

Temperaggio


Come potete vedere anche lui goloso di cioccolato.....

Simone ha preparato per ognuna di noi un cioccolatino che fosse collegato a noi, al nostro blog, alla nostra vita. Nel mio caso ovviamente la mia richiesta era di collegarlo alla Calabria, scontato no?!
E questo è quello che ne è venuto fuori.....



Un cioccolatino scioglievole, equilibrato, in cui i fichi e il passito si lasciavano coccolare dal cioccolato al latte. A parole non si può descrivere la sua bontà!



Su You Tube,  seguendo il link, trovate qualche video della preparazione del cioccolatino, in cui sono spiegate alcune fasi della lavorazione del cioccolato e la realizzazione del croccante di mandorle....sono sicura che qualcuno correrà a provare!
Per i video ringrazio tanto Sara che mi ha fatto da cameraman e fotografa d'eccezione! :-))

Pralina Figs & Choc 

Ingredienti:
100gr di fichi secchi
100gr di passito
100 gr di panna
400 gr di cioccolato al latte

Procedimento:
Unire la panna e i fichi secchi e frullare fino ad ottenere un composto omogeneo, leggermente granuloso. Di seguito unire il passito un po' per volta ed amalgamare bene. 
Porre il composto in frigo e passare alla lavorazione del cioccolato. 
Temperare il cioccolato: sciogliere il cioccolato portandolo a 49-50°. Poi versarne i 2/3 su un piano, possibilmente di marmo e lavorarlo con una spatola, raccogliendolo e allargandolo, finché non raggiunge la temperatura di 26°. Unire il cioccolato alla restante parte, verificare che abbia una temperatura di 30° (se più alto, riversarne una parte sul marmo e spatolare ancora) e versarlo in una sac a poche. 
Riempire uno stampo per cioccolatini in policarbonato con il cioccolato, arrivando quasi fino al bordo. Lasciarlo così un minuto e poi capovolgere per far scendere il cioccolato in eccesso e così formare i gusci.  
Far raffreddare in frigorifero per 10 minuti e riempire con la ganache aiutandosi con una sac a poche. 
Porre ancora 10 minuti in frigo e poi coprire con il cioccolato al latte. Versare abbondante cioccolato e poi levare l'eccesso aiutandosi con una spatola rigida. 
Far raffreddare completamente e poi sformare i cioccolatini dando un colpo secco allo stampo.

Per il croccante alle mandorle di accompagnamento:

Farina di mandorle 100 gr
Zucchero 100 gr
Acqua 50 gr

Procedimento:
Mescolare gli ingredienti e spalmare uno strato finissimo su un foglio di carta da forno poi
cuocere in microonde al massimo della temperatura fino a che non caramellizza.


Ed ecco anche la ricetta "narrata", ripresa grazie alla Kodak, sponsor ufficiale che ci ha donato una praticissima videocamera:



Prima di concludere, un enorme grazie va ad Eurochocolate, Kodak che oltre a donarci fotocamera e videocamera, ci ha anche fatto un bellissimo reportage, e Francesca Martinengo e Clio che hanno coordinato noi tutte....e c'era da ammattire :-)

Per tutte le altre foto, vi rimando a Flickr.


English Version - Figs&Chocs Praline

Ingredients
100 g dried figs 
100 g passito (wine for dessert)
100g cream
400gr milk chocolate


Directions:
Add cream and figs and blend until mixture is smooth, slightly grainy. Below you combine sweet wine in 3 steps and mix well.
Place the mixture in the fridge and pass to the manufacture of chocolate.
Tempering chocolateMelt chocolate bringing it to 49-50 °. Then pour the 2 / 3 on a planpossibly marble and work it with a spatula. Collect and enlarging ituntil it reaches a temperature of 26 °. Add the chocolate to the remaining part in the bowl, verify that it has a temperature of 30 ° (if higher, poured a part on the marble and spreads it again) and pour into a pastry bag.
Fill 
polycarbonate mold with chocolate, reaching almost to the edgeLeave it a minute and then flip to get the excess chocolate and so to form the shells.
Cool in the refrigerator for 10 minutes and then fill with the ganache with the help of a pastry bag.
Place in refrigerator for another 10 minutes and then cover with the milk chocolatePour plenty of chocolate and then remove the excess with the help of a rigid 
spatula .
Let cool completely, then unmold the chocolate giving a sharp blow to the mold.

For the 
almond  crunchy:


Ingredients:
Almond 100 g
Sugar 100 g
Water 50 g

Directions
Mix ingredients and spread a fine layer on a sheet of baking paper, then cook in microwave oven at maximum temperature until it caramelizes.

12 commenti:

  1. peccato che non sono riuscita a venirci..mi sarebbe piaciuto davvero tanto..si immagino che dopo poche ore immerse nella cioccolata venga voglia di qualunque altra cosa..addirittura del mc

    se ti va di passare dal mio nuovo blog (non è di ricette) mi farebbe davvero piacere..
    http://lamiavitaognigiorno.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. sono sempre + triste di non avercela fatta...quasi quasi prenoto hotel per l'anno prossimo!

    RispondiElimina
  3. sono sempre piu' invidiosa di voi tutte che ci siete andate!
    beate voi!
    chissa' che esperienza!!!
    magari l'anno prossimo...
    ciao carla

    RispondiElimina
  4. Stento a credere che si possa desiderare il salato dopo tanto dolce: mi sa che mi tocca provare :DDD
    Interessantissima la pralina con i sapori calabra: ero curiosissima :D

    RispondiElimina
  5. Cara collega sappi che nella lettura del post mi sono uscite svariate risate...Tra churros, viaggi toccata e fuga e io nella versione di cameraman diciamo che abbiamo svelato vari altarini!!! Sappi che da quei giorni colmi di cibo mi sto disintossicando in maniera ligia e che sono comunque troppo felice dell'esperienza-lampo vissuta e anche di aver assaggiato finalmente i churros...A te in Portogallo a me in Corsica erano rimasti un punto interrogativo :-)! E dopo aver visto i video con partenza all'ingiù posso affermare che la regia non fa per me ;-)! Un bacione e alla prossima!!!

    RispondiElimina
  6. Posso capirti, EuroChocolate si può vivere per un massimo di 24h, ma ci si riesce comunque ad immergere perfettamente nel clima cioccolatoso, apprezzandone tutti gli aspetti!

    Il tuo cioccolatino è delizioso, ora riamne solo la riproposizione!!! ;)

    Buona Giornata, cara!!!

    RispondiElimina
  7. che bello esserci potuta andare.. come stare nel paese dei balocchi!!

    RispondiElimina
  8. Il cioccolato è uno delle cose che più mi tentano,anche senza sbalzi ormonali ;-) nonostante questo sono d'accordo con te dopo ore a guardare,assaggiare e sentire solo profumi di dolce cioccolato si arriva quasi al disgusto (ma perchè esagero sempre con le dosi) e un bel panino ci sta con la mortazza,però!

    RispondiElimina
  9. Simpatico il video sul temperaggio! ;)
    Mi hai fatto venir voglia di rimettermi all'opera..tanto ormai la temperatura è calata!
    Bacioni, soprattutto per domani! ;)

    RispondiElimina
  10. Avevo pensato di andare anche io quest'anno ma purtroppo non sono riuscita. Peccato perche' mi sa che mi sono persa un sacco di cose belle.
    Ti confesso che il cioccolato mi piace assai, ma le castagne ancora di piu'. E quel sacco di caldarroste ha attirato tutta la mia attenzione :)))

    RispondiElimina
  11. Che bello il tuo sito.... ricco di idee... tornero' presto a trovarti... A presto

    RispondiElimina
  12. Cioccolato mon amour!!!!! mamma mia che visione paradisiaca. Comunque concordo, dopo un pò la mortazza ci sta ! :D
    Un bacione

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails