lunedì 12 settembre 2011

Crema di peperoni e melanzane

Sono in piena fase di conserve. Ieri ho trascorso il pomeriggio a cercare di metter via il maggior numero possibile di melanzane e peperoni sotto diversa forma, per non sentirne troppo la mancanza durante l'inverno. In questo clima di conserve mi sento molto solidale alle formiche e agli scoiattoli che al momento saranno come me in pieno periodo di raccolta! 
Data la premessa sarebbe ovvio che anche questo antipasto avesse preso l'onda delle conserve per l'inverno, in realtà questa crema è servita solo a riempire un pomeriggio di noia pre-vacanziera di fine luglio. Così, dopo un mese, posso presentarlo a voi con la consapevolezza che un crostino-tira-l'altro! 





Crema di peperoni e melanzane sott'olio

1 peperone giallo
2 melanzane
4-5 foglie di basilico
1 l di aceto bianco
Olio evo qb
2 cucchiai di sale

Procedimento: 
Tagliare le melanzane a pezzi e far perdere la loro acqua lasciandole a scolare con del sale. Tagliate a tocchi il peperone.  
Quando le melanzane saranno ben scolate, ponete una pentola con l'aceto bianco e 2 dl di acqua sul fuoco e, quando bolle, unire le melanzane e il peperone. 
Far cuocere per 15 minuti e porre a scolare per almeno una notte su un canovaccio e con un peso sulla superficie. 
Dopo questo tempo strizzare bene bene le verdure e servendosi della mezzaluna tritare le melanzane, i peperoni e le foglie di basilico fino ad ottenere una crema piuttosto grossolana. Non consiglio di usare un frullatore perché si otterrebbe un risultato fin troppo omogeneo. 
Quando tritato tutto mettere il composto in vasetti di vetro precedentemente sterilizzati, coprire d'olio, unire infine una foglia di basilico e chiudere il barattolo. 
Quando invasato tutto, porre i vasetti in uno strofinaccio, mettere in una pentola d'acqua, coprire d'acqua e far cuocere per 30 minuti dal momento dell'ebollizione. 

Una volta freddi far riposare per almeno un mese prima di consumare. 

Approfitto anche per farvi conoscere uno chef conosciuto al Westin Palace grazie alle serate organizzate da Gribaudo e Cucina gourmet. Lo chef in questione è Fabio Iacovone del ristorante Le Petit Restaurant del meraviglioso Hotel Bellevue di Cogne. Sapere di essere nelle mani di uno chef della Val D'Aosta è già un'ottima premessa e le aspettative sono confermate da tutti i piatti serviti durante la serata e anche dagli ottimi vini che ci hanno accompagnato dall'antipasto al dolce. 

L'aperitivo ha visto tra i protagonisti uno dei miei vini preferiti, il Refrain....guarda te le coincidenze! :) 
E gli altri vini "d'altitude" che hanno accompagnato anche tutte le portate previste per la cena. I vini sono tutti parte della cooperativa La Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle, vini che vi consiglio vivamente di assaggiare. 

Dal punto di vista del "cibo", invece, i protagonisti sono stati i piatti del resident chef Tombolato e dello chef valdostano Fabio Iacovone.

Per aprire ho potuto gustare un perfetto ed equilibrato Filetto di trota leggermente affumicata su tartare di mango e papaia (Chef Tombolato) 



A seguire, l’Uovo di Re Vittorio (Chef Iacovone): una fonduta di fontina d'alpeggio e toma, con un tuorlo appena scottato affogato nel formaggio e tartufo nero a completare il tutto. 



Risotto “Gran Riserva Gallo” al Donnas Vielles Vignes (Chef Iacovone) accompagnato da un quadrato di stinco di vitello pressato. 



Il secondo: Sottofiletto di cervo cotto nel sale grosso e fieno di montagna (Chef Iacovone)



Infine, un perfetto dessert dello chef Tombolato: Tortino al miele e mascarpone con aspic moscato.



Un grazie speciale per le foto va a Francesca e Pietro che mi hanno gentilmente prestato le loro foto della serata! 

26 commenti:

  1. mamma che crostini meravigliosi ti saranno riusciti!

    RispondiElimina
  2. Che bontà! ci credo che un crostino tira l'altro...:)
    Ciao Tery, buona giornata

    RispondiElimina
  3. Che delizia questa mix di peperoni e melanzane che adoro e mi scatta subito il copia e incolla di questa ricetta:D!!Bacioni,imma

    RispondiElimina
  4. non avevo mai pensato di unire peperoni e melanzane in una crema. Ricetta da copiare!

    RispondiElimina
  5. bellissima questa crema, poi con quei crostini credo sia davvero il massimo!

    RispondiElimina
  6. Un mese di riposo? Proprio tutto senza sconti? mhhhhh l'è dura aspettare ad assaggiare questa salsina! Bonaaaaaaaaaaaaaa ^__^ Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  7. W le conserve di fine stagione!

    RispondiElimina
  8. Adoro melanzane e peperoni e questi crostini altro che uno tira l'altro! ;)

    Bellissimi e gustosi gli eventi a cui partecipi, ti ammiro molto ;)
    è stato un piacere conoscerti...

    Vevi :)

    RispondiElimina
  9. Buonissima, mi è avanzata una fetta di pane non è che ne hai un barattolo formato famiglia cicciona?

    RispondiElimina
  10. Non sono amante dei peperoni ma mi piacciono moltissimo queste salsette da accompagnare ai crostini.Buona settimana

    RispondiElimina
  11. ..è sempre un piacere, cara!
    Conserve anche per noi, ma solo di melanzane e tonno! ;)
    Un abbraccio, a prestissimo!
    Fra

    RispondiElimina
  12. secondo me questa crema è spettacolare...una bruschetta....mmmm....ho fameeeeeee

    RispondiElimina
  13. bellissime foto di una splendida serata ma...ti rubo la crema per le sere tristi d'inverno!!
    baci

    RispondiElimina
  14. Sull'uovo di Re Vittorio ho avuto un mancamento! Che menù superlativo accompagnato da ottimo vino ;) diciamo pure una seratina all'insegna del buon gusto. Presto online un post in cui ci sei anche tu, è stato un piacere conoscerti.
    Un abbraccio forte
    Sonia

    RispondiElimina
  15. a vedere questi piatti stavo per svenire! Menù favoloso! E anche la crema di peperoni e melanzane non avrebbe di certo sfigurato in mezzo a tante bontà :D
    Che delizia!
    Un bacio

    RispondiElimina
  16. ma che non ci vorrai mica andare sempre da sola a queste serate vero?????????
    La prossima volta fai un fischio che arrivo!!!! :D
    Mamma mia che delizie! Crema di melanzane e peperoni proprio da urlo! Non vedrei l'ora che arrivasse l'inverno con tante bontà ;)
    Un bacione

    RispondiElimina
  17. Mi sa che in questo periodo tutti siamo delle formichine :). E quando d'inverno apri i barattoli un pò d'estate torna in casa! Deliziosa la tua crema che riuscirei a riprodurre più facilmente dei piatti dai nomi altisonanti che ci hai mostrato!
    Un bacione

    RispondiElimina
  18. allora ne aspetto anche tante altre... questa è ottima per iniziare!

    RispondiElimina
  19. Ciao Tery!
    le tue ricette sono sempre davvero sorprendenti!
    Ho apprezzato molto anche quelle dei giorni scorsi che, contrariamente a quanto dicevi tu, non mi hanno stancato ma molto, molto, molto incuriosito. Non ho mai gustato il fico d'india al di fuori della portata "frutta" e "ammazzacaffè" (crema o liquore al fico d'india).
    Brava davvero!
    a presto!
    un bacio
    Tania

    RispondiElimina
  20. buonissima questa crema, ha proprio il sapore dell'estate... perfetta per illuminare le scure giornate invernali!

    baci

    RispondiElimina
  21. Federica, in realtà se la lasci anche 2 mesi è meglio :P Senza sconti :)

    Cey, te ne lancio subito un barattolo! :))

    Sonia, sapessi io che mancamento all'assaggio! :P

    Viola, quando passi da Milano avverti eh!

    Saretta, nu dai, non così altisonanti :))

    Tania, sei dolcissima! Un bacione!!

    RispondiElimina
  22. Tery, che spettacolo... adoro queste conserve semplici, e per le melanzane sott'olio potrei uccidere ^_^
    Posso chiederti se la bollitura "serve" alla ricetta (per ammorbidire o altro) o se è solo una precauzione per la conservazione?

    RispondiElimina
  23. Scusa Alice, arrivo in ritardo!!!
    LA conservazione serve per entrambi i motivi, sia per la conservazione che per far unire bene i sapori e ottenere un composto più cremoso.
    :))

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails