giovedì 3 giugno 2010

I covatelli, non chiamateli cavatelli



Quando ero bambina il sabato era fatto di pomeriggi in cucina con mia madre e mio fratello a fare la pasta o a volte, una torta. Fare la pasta era un po' una festa sapendo che il giorno dopo si sarebbe gustato un bel piatto di pasta fresca con il ragù. Da buona calabrese, pasta fresca vuol dire soprattutto maccheroni al ferretto o covatelli, preparati assolutamente con semola di grano duro e senza alcun uovo.
Il rito dei covatelli, in particolar modo, prevedeva lunghi pomeriggi di formature.
La mia mamma impastava poi, dopo aver fatto tanti serpentini di pasta, mio fratello ed io prendevamo un serpentello per volta, e, con davanti il nostro rigagnocchi, ci mettavamo con calma a formare i covatelli.
Tra una battuta e un'altra, un po' di stanchezza e qualche risata i sabato pomeriggio d'inverno trascorrevano spesso così, con le mani in pasta e il caminetto che in un angolo scoppiettava allegro.
Per tutto questo, oltre che per la bontà, i covatelli sono un piacevole ricordo di infanzia e una gioia riportarli in cucina.

Due giorni fa, in un tranquillo pomeriggio casalingo, mi sono messa in cucina e, tra un giro e l'altro del pane, l'impastatrice che andava e il ragù che "pippiava", ho preparato i covatelli. Mancava l'aria di gioia dei bambini con le mani in pasta, ma davanti alla mia tavola di legno, il mio saccone di farina di fianco e il pc a farmi compagnia, il pomeriggio è passato in modo piacevole e rilassante.

Ingredienti per 4 persone:

600 gr di semola di grano duro
acqua qb (indicativamente la metà rispetto alla dose di farina)

Procedimento:

Impastare acqua e farina fino ad ottenere un impasto liscio e abbastanza duro. Se troppo morbido i covatelli rischiano di attaccarsi e perdere la forma. 
formare tanti serpentelli di pasta larghi più o meno un centimetro e tagliarli a pezzetti di mezzo centimentro (la punta di un dito) e formare i covatelli passando i pezzetti di pasta sul rigagnocchi proprio come se si dovessero formare gli gnocchi.



Avete notato la novità del giorno? Finalmente anche io ho messo il copyright sulle foto!
Vi piace il mio cappello da cuoco?
In realtà sono le mie "P", Peperoni e Patate! :)

18 commenti:

  1. Allora anche tu "copirightata!! Grazie della visita, sono corsa subito a curiosare cosa ci hai preparato di buono!! ...e bello!!

    RispondiElimina
  2. Ce l'ho,ce l'ho quell'attrezzino li faccioooo,Tery ma sono bellissimi!!!!.Anche voi dite il ragù che "pippiava" anche qui si dice uguale!!!!Peccato che noi si sta lontani,io un pomeriggio cosi con te l'avrei passato volentieri!!!Adesso scappo(e quando mai?)domani si fa la festa del piccolino FINALMENTE!!!!bacionissimi!PS non ci crederai ma come parola di verifica mi è uscita Flash ahahah!!!Adesso ci viuole Gordon e poi stiamo a posto!!ahah

    RispondiElimina
  3. Complimenti per il tuo blog, ti ho vista dallo Zio Piero e sono venuta a curiosare... adoro la tua terra, tra l' altro quest'anno (per la terza volta) sarà lo scenario delle mie vacanze!
    P.s. ottimi questi covatelli, anche noi in Campania li facciamo con la stessa ricetta, solo che li chiamiamo "e' cavatiell"!

    RispondiElimina
  4. Ma che bel logo! Te lo sei creata tu? Sembra professionale :)

    RispondiElimina
  5. Ma che belli, non conoscevo questa pasta calabrese!!! che bei ricordi preziosi che hai condiviso poi!!! cose che restano!
    grazie per aver condiviso sta ricettina!:)

    RispondiElimina
  6. wow strepitosi!!bravissima!!!

    RispondiElimina
  7. @accantoalcamino: Eh si! Dovevo prima o poi copyrighttarmi anche io! Grazie anche a te del giretto qui da me! :)))

    @Nitte: Sarebbe bello un pomeriggio insieme con le mani in pasta!!! :D Pippiare in realtà l'ho adottato io dal napoletano...
    Flash? E' la parola giusta per te! Che vai davvero come un flash per star dietro a tutto, super mamma!
    Grazie mille per i complimenti!!

    @Valentina: Grazie mille per la visita!!! Calabria e Campania mi sa che hanno tantissimo in comune, ma non sapevo che c'erano anche i covatelli!
    Che bello trovare qualcuno che conosce la mia terra! Ogni tanto mi sento "una particella di sodio"! Dove andrai di bello in vacanza??

    @Silvia: Tutto home-made! Sono contenta che ti piaccia!! :DDD

    Terry: :))) E' bello ritornare a questi ricordi da bimbi!

    @Federica: Grazie!!

    RispondiElimina
  8. bellissimo il nuovo stemma! e splendida questa pasta! ma sai che ho pure l'aggeggino per farle? me le immagino con un buon ragu o un sugo particolare! bravissima! baci Ely

    RispondiElimina
  9. Bellissimi i tuoi cava.. ops, covatelli!
    Pensa ho quell'attrezzo e ancora non l'ho usato!!!
    Quasi quasi lo inauguro...

    Il logo l'ho notato subito. Ma è un cappello da cuoco stilizzato con le due P, giusto? (almeno io ci vedo quello!)

    Baci dallo Zio

    RispondiElimina
  10. @Ely: Grazie grazie! :DD Da noi si mangiano proprio con il ragù e inutile dire che a me piacciono tantissimo! :) Un bacione!

    @Zio Piero: Nooo cava no!! Quell'aggeggino lì è proprio comodo, anche per gli gnocchi!

    Giusto! Il logo è un cappello da cuoco creato con le mie "P"... evviva, si capisceeee!! Avevo paura di vederlo solo io :))) Baci baci!

    RispondiElimina
  11. Tery,tesoro ti ho vista sei uno schianto di ragazza,mamma mia che fisicaccio!!!!!!!!Bella sei davvero un'amore,appena ho letto "foto corso milano"ti ho cercata subitissimo.Nella foto in bianco e nero sei splendida,ma il viso dolce della foto di gruppo mi piace di più.Hai un viso acqua e sapone e un sorriso molto bello.Il tuo viso mi era già familiare dalla fotina dell'avatar ma adesso mi hai conquistata,bella,bella,bella!!Volevo dirtelo spero di non averti travolta.PS la vuoi una buona ricetta di pizza napoletana che faccio io nel forno a legna,non è quella di Adriano però,lui è il maestro!!!!

    RispondiElimina
  12. ANCH'IO VOGLIO VEDERE LE FOTO DEL CORSO DI MILANOOO...DOVE SONO???
    TERY DIMENTICAVO..COMPLIMENTONI PER I COVATELLI...STREPITOSI :-)!

    RispondiElimina
  13. Se non era per il tuo commento non mi ero neanche accorta delle foto!! Che emozione rivedere quelle immagini!!
    Grazie, grazie, grazie! Sei davvero dolcissima!
    Mi sa che tra di noi c'è proprio feeling... Dalle foto di Paoletta mi hai colpito subito, quel viso spontaneo, il sorriso bellissimo e tutti quei ricciolini!! Sono proprio contenta, questo blog in 2 mesi di vita mi ha fatto incontrare tante persone stupende e vivere emozioni bellissime... Dopo aver visto le foto di Paoletta e letto il tuo commento mi sono emozionata! Un bacio grande grande!

    PS. Eccome se voglio la tua ricetta!! Sarà sicuramente buonissima!

    RispondiElimina
  14. @Sara: Ciao! Le foto sono qui: http://corsidicucinaepanificazione.blogspot.com/2010/05/corsi-milano-il-resoconto-le-mie-foto-i.html

    Come sono emozionataaaa!!

    Grazie mille per i complimenti :D
    un bacione!!

    RispondiElimina
  15. Tery, sei bravissima!!! Ma dove si trova quell'aggeggio lì???

    RispondiElimina
  16. Grazie :DDD
    Non so dove si possa trovare il rigagnocchi sinceramente... io l'ho ereditato dalla mia mamma! Sicuramente l'ho visto in qualche negozio, forse la Rinascente, ma non ne sono certa! Ho visto sul tuo blog che sei di Cernobbio...magari in un Gran casa??

    RispondiElimina
  17. Bellissimi! Che perfezione!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails